Bollette luce e gas/ Aumenti e bonus: cresce il numero di chi ne ha diritto ma non fa domanda

- Silvana Palazzo

Bollette luce e gas, aumenti e bonus: cresce il numero di chi ne ha diritto ma non fa domanda. Le ultime notizie: i consumatori chiedono maggiore informazione

soldi_2_euro_banconote_pixabay
Padova, volano 1200 euro in strada in pezzi da 50

Continuano a salire le bollette della luce e del gas: qualche giorno fa è stato registrato l’ultimo balzo. Secondo quanto stabilito dall’Autorità per l’Energia, dal primo luglio le bollette sono cresciute rispettivamente del 6,5% e dell’8,2 per cento. In pochi sanno però che si può usufruire del bonus energia, cioè di uno sconto sulle bollette, se si hanno redditi bassi o problemi di salute. Nei casi più gravi può arrivare a oltre 600 euro l’anno. Non si tratta di una misura nuova, è stata introdotta da tempo, nel 2009 per la precisione. Eppure a molti non è nota. E quindi accade che chi ne ha davvero bisogno continua a pagare a prezzo pieno, oltre le sue possibilità. Dal rapporto annuale dell’Autorità per l’Energia si apprende che il bonus sociale elettrico e gas ha più beneficiari, e quindi sono cresciuti anche gli importi erogati, ma la percentuale di chi ne usufruisce rispetto a chi ne ha diritto è ancora molto limitata. Oscilla tra il 30 e il 32%. Inoltre, dei 27.955 bonus riconosciuti l’anno scorso, «solo l’82% è stato poi effettivamente incassato dal soggetto che ne aveva diritto».

BONUS BOLLETTE LUCE E GAS: LAMENTELE DEI CONSUMATORI

L’Autorità per l’Energia ha fatto sapere anche che non mancano le misure per diffondere l’informazione tra i potenziali destinatari, con campagne informative e progetti per coinvolgere anche soggetti che operano con cittadini vulnerabili. Le informazioni, sostiene l’Arena, ci sono al pari delle campagne e dei progetti per informare e coinvolgere i soggetti interessati. Non la pensano così invece i consumatori: secondo Cittadinanzattiva, il 47,5% di chi ha diritto al bonus non è al corrente della sua esistenza. E anche tra chi ne è a conoscenza si sottolinea come siano tuttora inadeguate le misure per meglio far conoscere la misura (63,5%). Da tempo i consumatori denunciano tutto questo: l’anno scorso, ad esempio, una quindicina di associazioni aveva evidenziato che oltre la metà di quanti potrebbero richiedere il bonus energia, non lo fa perché non sa che esiste, teme ostacoli burocratici o ritiene che il proprio Isee sia troppo alto per averne diritto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori