UBI BANCA/ Firma accordo con il gruppo cooperativo Cgm per i servizi welfare

- La Redazione

Ubi Banca e il Consorzio Nazionale della Cooperazione Sociale Cgm hanno firmato questa mattina un accordo di partnership utile per i clienti del servizio welfare

accordo-cgm-ubi-welfare_web
La firma dell'accordo tra Ubi Banca e Cgm

Ubi Banca e il Consorzio Nazionale della Cooperazione Sociale Cgm hanno firmato questa mattina un accordo che consente al gruppo cooperativo di entrare a far parte della piattaforma Ubi Welfare. La partnership consentirà ai clienti, che hanno scelto il servizio welfare dell’istituto di credito, di poter contare sulle cooperative attive su scala nazionale nei servizi dedicati alla cura alla persona, alla salute e all’educazione.

Cgm è un’organizzazione che raggruppa 58 consorzi territoriali, distribuiti in tutta Italia, che coordinano l’attività di oltre 700 imprese sociali. E’ attivo sia nei campi dell’educazione e della cura alla persona che in settori emergenti e di frontiera (ambiente, abitare, tecnologia, arte e cultura, turismo, sostegno al lavoro). Il ruolo principale è quello di supportare l’azione delle reti locali, sia attraverso la fornitura di servizi aziendali qualificati e avanzati, sia attraverso azioni imprenditoriali di apertura di mercato sulle nuove filiere.

Ubi Banca, grazie alla divisione specializzata Ubi Welfare, attiva da oltre un anno, offre un servizio di consulenza evoluta e completa, con soluzioni integrate e personalizzate per la realizzazione di piani di welfare  per imprese di grandi, medie e piccole dimensioni.

Cgm contribuirà all’identificazione di una rete di servizi di welfare di qualità che saranno inseriti nella piattaforma Ubi Welfare solo dopo un’accurata verifica del possesso dei requisiti legati alla qualità del servizio, dei professionisti utilizzati e dei fornitori che li gestiscono a totale garanzia del fruitore finale.

“Per Cgm questa partnership con Ubi si dimostra un autentico driver strategico per la crescita della nostra rete e per la contestuale apertura ai mercati privati”, dichiara Stefano Granata Presidente Cgm “Riteniamo importante che Ubi abbia trovato in noi un player capace di offrire su tutto il territorio nazionale servizi dedicati alla cura della persona e all’educazione. Nostro ulteriore impegno sarà legato alla garanzia della qualità dei servizi offerti attraverso una selezione attenta degli operatori sul territorio”, conclude Granata.

“Questa partnership è molto importante – spiega Rossella Leidi Chief Wealth and Welfare Officer e Vice Direttore Generale di Ubi Banca – in quanto perfettamente coerente con la visione del welfare aziendale di Ubi Banca, che vede nella creazione di ecosistemi territoriali sussidiari di welfare  e nella valorizzazione e supporto al terzo settore, elementi qualificanti e distintivi a vantaggio dei lavoratori, delle imprese e dei territori”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori