Generali cede le polizze Vita in Germania/ Leben passa a Viridium, incasso da 1,9 miliardi

Generali cede le polizze Vita in Germania, controllata Leben passa a Viridium: incasso da 1,9 miliardi di euro per la cessione dell’89,9 per cento delle quote

generali_facebook_2018
Generali (Facebook)

Generali cede le polizze Vita in Germania: l’89,9 per cento delle quote Leben infatti passerà nelle mani di Viridium, incasso da 1,9 miliardi di euro. Importanti aggiornamenti sulle mosse della compagnia di assicurazione italiana, che ha in Europa Occidentale, America Settentrionale ed Estremo Oriente i suoi principali mercati: il consiglio di amministrazione ha deliberato la valorizzazione dell’asset tedesco secono quanto riportato dai colleghi de Il Sole 24 Ore, con la controllata tedesca che passerà alla piattaforma di Cinven e partecipata dal riassicuratore Hannover Re. Un incasso complessivo da quasi 2 miliardi di euro per il Leone: 1 miliardo di euro relativo al valore dell’asset, inclusi 125 milioni di earn out in caso di modifiche della normativa che regola l’allocazione delle riserve ZZR1. Previsto inoltre il rimborso degli strumenti subordinati per 882 milioni di euro.

GENERALI CEDE LE POLIZZE VITA IN GERMANIA

Il Sole 24 Ore evidenzia che la transazione consentirà a Generali di migliorare il Return on Risk Capital, mitigando l’esposizione del gruppo al rischio legato ai bassi tassi di interesse. Ma soprattutto questa transazione avrà un effetto positivo sulla solvency: più 43 per cento in Germania, complessivamente un miglioramento di 2,6 per cento. Una plusvalenza che dunque si aggira attorno ai 275 milioni di euro. Non è da escludere che Generali in un secondo momento possa acquistare una quota di minoranza di Viridium. “Tutto questo permetterà alla società di crescere e rafforzarsi sul mercato”, questa l’analisi del Ceo di Generali Deutschland Giovanni Liverani. Questa mossa rappresenta un tassello chiave del processo di turnaround strategico in Germania, con il Ceo Philippe Donnet che l’ha definito un “passo fondamentale”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori