BORSA ITALIANA OGGI/ Chiusura a -0,04%, Campari a +4,14% (17 gennaio 2019)

Borsa italiana news. Piazza Affari chiude in lieve ribasso. Sul listino principale si mette in luce Campari. Bene anche Telecom Italia. Gli aggiornamenti sulle azioni più importanti

17.01.2019, agg. alle 17:42 - Lorenzo Torrisi
Borsa_Piazza_Affari_Lapresse
Lapresse

PIAZZA AFFARI, LA CHIUSURA

La Borsa italiana chiude in rosso dello 0,04% e sul listino principale troviamo in rialzo Amplifon (+0,44%), Atlantia (+0,13%), Banca Generali (+0,5%), Bper (+0,39%), Campari (+4,14%), Cnh Industrial (+1,15%), Diasorin (+0,65%), Enel (+0,42%), Exor (+0,6%), Ferrari (+0,26%), Generali (+0,2%), Mediobanca (+0,13%), Moncler (+0,27%), Poste Italiane (+0,63%), Prysmian (+0,63%), Recordati (+0,23%), Saipem (+0,08%), Snam (+0,02%), Telecom Italia (+2,06%), Tenaris (+0,29%), Terna (+0,15%), Unipol (+1,62%) e UnipolSai (+1,3%). I ribassi più ampi sono quelli di Azimut (-1,57%), Brembo (-1,02%), Buzzi (-1%), Fineco (-1,7%),  Intesa Sanpaolo (-0,81%), Pirelli (-1,03%), Stm (-1,91%) e Ubi Banca (-0,87%). Fuori dal listino principale Bioera chiude con un +16,16%, mentre Stefanel cede l’11,41%. Il cambio euro/dollaro resta sotto quota 1,14, mentre lo spread tra Btp e Bund si attesta a 253 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 15:40

La Borsa italiana si muove in sostanziale pareggio (+0,03%) e sul listino principale troviamo in rialzo Banca Generali (+0,1%), Bper (+0,5%), Campari (+3,1%), Cnh Industrial (+0,5%), Diasorin (+0,6%), Enel (+0,5%), Exor (+0,8%), Ferrari (+0,5%), Mediobanca (+0,1%), Moncler (+0,5%), Poste Italiane (+0,7%), Prysmian (+0,1%), Recordati (+0,2%), Snam (+0,1%), Telecom Italia (+2%), Terna (+0,2%), Unipol (+1,4%) e UnipolSai (+1,6%). Banco Bpm, invece, si trova in parità. I ribassi più ampi sono quelli di Azimut (-1,2%), Brembo (-0,9%), Buzzi (-1%), Fineco (-1,4%), Leonardo (-0,8%), Pirelli (-0,8%), Saipem (-0,8%), Stm (-2,9%) e Ubi Banca (-0,7%). Fuori dal listino principale Visibilia sale del 19%, mentre Caleido Group cede il 7,2%. Il cambio euro/dollaro scende sotto quota 1,14, mentre lo spread tra Btp e Bund scende a 252 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 10:30

La Borsa italiana cede lo 0,1% e sul listino principale troviamo in rialzo Amplifon (+0,9%), Banco Bpm (+0,7%), Bper (+1,3%), Campari (+1,2%), Eni (+0,1%), Intesa Sanpaolo (+0,4%), Italgas (+0,4%), Mediobanca (+0,2%), Moncler (+0,4%), Poste Italiane (+0,3%), Saipem (+0,2%), Telecom Italia (+1,4%), Tenaris (+0,2%), Ubi Banca (+0,7%), Unicredit (+0,9%), Unipol (+1%) e UnipolSai (+0,9%). I ribassi più ampi sono quelli di A2A (-0,6%), Atlantia (-0,8%), Brembo (-1,1%), Buzzi (-0,6%), Ferragamo (-0,9%), Fineco (-0,8%), Juventus (-1,4%), Prysmian (-0,9%) e Stm (-2,8%). Fuori dal listino principale Visibilia sale dell’11,1%, mentre Stefanel cede il 6%. Il cambio euro/dollaro si trova a quota 1,14, mentre lo spread tra Btp e Bund sale sopra i 254 punti base.

PIAZZA AFFARI PUNTA A QUOTA 19.500

Anche nella giornata di oggi non mancano dati macroeconomici di un certo interesse. Si comincia, alle 10:00, con la bilancia commerciale dell’Italia relativa al mese di novembre. Un’ora dopo si conoscerà l’inflazione europea relativa sempre a novembre, un dato utile considerando che la Bce considera come proprio target ottimale il 2%. Alle 14:30 l’attenzione sarà rivolta all’altra sponda dell’Atlantico, dove alle 14:30 sarà comunicato il dato sulle richieste settimanali di sussidi alla disoccupazione. Sempre alla stessa ora si conoscerà il numero di licenze edilizie e di nuovi cantieri residenziali negli Stati Uniti a dicembre, oltre all’Indice Fed di Filadelfia. In giornata si terrà anche un’asta di titoli di stato spagnoli.

Ieri Piazza Affari ha chiuso con un rialzo dell’1,63% a 19.477 punti. Sul listino principali sono stati pochi i titoli a terminare la seduta in rosso: il peggiore è stato Campari con un -1,4%. Sul fronte dei rialzi, invece, si sono messi in luce Unicredit (+5,8%) e Fineco (+5,6%). Bene anche Banco Bpm (+3%), Banca Generali (+3,1%), Intesa Sanpaolo (+3,7%) e Ubi Banca (+3,8%). Lo spread tra Btp e Bund è sceso sotto i 254 punti base.

© RIPRODUZIONE RISERVATA