SPILLO/ Carige: l’esordio difficile di Enria alla vigilanza Bce

- Nicola Berti

Carige da ieri è sotto il commissariamento della supervisione bancaria unica che fa capo alla Bce, guidata ora dall’italiano Andrea Enria

Enria Andrea Lapresse1280
Andrea Enria (Lapresse)

Ieri mattina il nuovo capo del Consiglio di supervisione bancaria della Bce, l’italiano Andrea Enria, è entrato in carica firmando il commissariamento dell’italiana Carige. Un esordio difficile: non il primo per il tecnocrate formatosi in Bankitalia. Sette anni fa – era il dicembre 2011 – Enria era stato designato da pochi mesi a capo dell’Eba: l’originaria authority di vigilanza bancaria creata dall’Ue dopo lo scoppio della grande crisi finanziaria (Mario Draghi era in carica come presidente della Bce da appena un mese: aveva vigilato sulle banche italiane nei sei anni precedenti, ma a Francoforte, a fine 2011, non aveva alcun potere sul sistema creditizio). Il debutto operativo dell’Eba fu uno stress test che mise in ginocchio anzitutto il sistema bancario italiano: valutato nelle settimane di picco dello spread, quindi nel momento di massima debolezza delle banche italiane rispetto ai nuovi parametri patrimoniali di vigilanza.

Da UniCredit a Mps alle Popolari: pochi gruppi evitarono pesanti ricapitalizzazioni (risparmiate invece per gran parte agli intermediari francesi e tedeschi). Si ritrovarono invece nella spirale sempre più vorticosa fra gli effetti creditizi della recessione da austerity e i vincoli sempre più pressanti da parte della supervisione europea, che due anni dopo passò sotto la responsabilità diretta della Bce.

Da allora la stabilità del sistema bancario italiano è costantemente peggiorata (non da ultimo in parallelo con la fiducia dell’opinione pubblica italiana nell’Europa delle banche). Carige è solo l’ultimo dissesto a essere certificato in Italia nell’ultimo triennio: dopo Etruria e le altre tre banche regionali “risolte”, la lunga agonia delle Popolari venete e il salvataggio pubblico di Mps. Una crisi conclamata quella della Cassa genovese: il principale responsabile – l’ex presidente Giovanni Berneschi – è stato arrestato la prima volta già nel maggio 2014 e due anni fa è stato condannato a una pesante pena detentiva per svariati reati societari e finanziari.

Ha lasciato una Carige in forte difficoltà, ma non irrecuperabile. Tanto che nel 2015 Vittorio Malacalza, finanziere genovese, scommise sul suo possibile rilancio, diventandone il primo azionista e contando di incassarne profitti finanziari e di potere. L’esito è stato diverso: non da ultimo perché altri finanzieri (come il raider italo-britannico Mincione) avevano messo gli occhi sul rischioso “affare Carige”. È stato così che tra baruffe in consiglio e ricambi di manager (ultimi, da un paio di mesi, il neo-presidente Pietro Modiano e il neo-amministratore delegato Fabio Innocenzi, da ieri commissari), Carige è giunta a un capolinea a questo punto inevitabile. Non una banca “fallita”, ma una banca certamente bisognosa di nuovi capitali.

Malacalza – è cronaca della vigilia di Natale – non poteva reggere l’aumento e ha cercato di guadagnare scampoli di tempo: bloccando l’assemblea e tentando fino all’ultimo una soluzione di mercato. La coincidenza con il cambio della guardia in Bce fra Danièle Nouy ed Enria alla fine può essersi rivelata neutra: i giorni non concessi a Carige nel 2019 sono stati quelli (molti di più) garantiti nel 2018, quando il brusco cambio di quadro politico-istituzionale nell’Ue ha messo progressivamente in stand by la vigilanza di Francoforte. Certamente un nuovo capo (italiano) della vigilanza non poteva indugiare: senza dimenticare che il responsabile formale della supervisione nell’eurozona è sempre Draghi, entrato ieri nel suo ultimo anno di presidenza Bce.

E mentre è fuori di dubbio che il commissariamento di Carige sia un nuova sconfitta di Bankitalia, è prevedibile che il caso alimenti in Italia ritorni di fiamma anti-europei. Attorno, ad esempio, a questa domanda: perché Carige è stata alla fine commissariata mentre su Deutsche Bank la Bce (e l’autorità nazionale tedesca Bafin) non hanno mai nulla da accertare o imporre?

© RIPRODUZIONE RISERVATA