SPILLO/ Quei 25 anni di ritardo che frenano la ripresa del Pil

- Mauro Artibani

I redditi insufficienti e fermi da 25 anni, per fare la spesa auspicata, sono la causa, non l’effetto dalla mancata crescita del nostro Paese

moneta_denaro_soldi_contanti_lapresse_2017
Lapresse

Il refrain, sempre quello: la crescita, quella attraverso la quale viene generata la ricchezza. Il vice direttore generale della Banca d’Italia, Fabio Panetta, lo sa. Sa pure come questa crescita non cresca e con puntiglio dice la sua nell’intervento all’incontro di Bologna dell’Ucid (Unione cristiana imprenditori dirigenti), gruppo emiliano romagnolo: l’economia italiana “ha bisogno di tornare a crescere a ritmi sostenuti. Soltanto lo sviluppo può generare le risorse necessarie per contrastare le diseguaglianze e alleviare le difficoltà in cui versano numerose famiglie. Soltanto il lavoro può offrire prospettive credibili ai giovani per realizzare i loro progetti di vita”.

Sì, insomma, invoca quella crescita che dovrebbe sconfiggere diseguaglianze, penuria, disoccupazione e la precarietà della condizione giovanile. Poi, con un accorato appello, chiosa: “L’innovazione tecnologica rappresenta un formidabile strumento di progresso economico e sociale. L’adozione delle nuove tecnologie consente agli operatori finanziari e alle imprese di ridurre i costi e di migliorare la qualità dei beni e dei servizi offerti; può favorire l’inclusione sociale e quella finanziaria. Potremo innalzare il percorso di crescita della nostra economia se sapremo cogliere queste opportunità, governandone i rischi. È un impegno che riguarda tutti”.

La Cgia di Mestre fa i conti: “Dal 2000 l’economia italiana si trova su un binario morto. A dispetto del ventennio precedente il Pil italiano ha registrato una crescita poco sopra lo zero, crescendo mediamente dello 0,2 per cento ogni anno”. Poi snocciola: “I comparti che hanno registrato i risultati più deboli sono la gomma/plastica (-27,4 per cento), il mobile (-28,4 per cento), il legno/carta/stampa (-32,9 per cento), il tessile/abbigliamento/calzature (-34,3 per cento), il computer/elettronica (-38,4 per cento) le apparecchiature elettriche e per uso domestico non elettriche (-49,9 per cento). Tra tutti i comparti analizzati solo gli alimentari/bevande (+15,7 per cento) e il farmaceutico (+31,6 per cento) hanno incrementato la produzione in questi ultimi 18 anni”.

Dunque mi tocca fare il ragioniere: se da diciannove anni si spende per poter soddisfare a mala pena i bisogni alimentari e i malanni, come si poteva far tutta la spesa per fare tutta la crescita possibile che il Panetta auspica? I redditi insufficienti, per fare la spesa auspicata, sono la causa, non l’effetto dalla mancata crescita.

Questo stava già scritto a chiare lettere nel report del 2013 del centro studi Confcommercio: “Il reddito disponibile delle famiglie italiane torna ai livelli di 25 anni fa; 1.032 miliardi di euro, rispetto ai 1.033 del 1988”. In ultimo: quante merci da acquistare, per numero e volume, sono arrivate al mercato in più da quell’88? Tra i pochi spicci in tasca e le troppe merci in vendita, il gap dell’output esplode e lo sviluppo si avviluppa!

Già, così magari, con inconsolabile tristezza, tocca dover constatare come venga a mancare ancor più quella spesa che genera il lavoro e lo remunera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA