EDITORIALE/ N° 76 – Settembre 2020 – Fare scienza in una scuola da reinventare

- Mario Gargantini

L’educazione scientifica resta un cardine di una scuola chiamata al rinnovamento, coniugando didattica mista, apertura alla realtà, percorsi di personalizzazione.

Copertina 76 OK per anticipazione 640x300
La copertina di Emmeciquadro n. 76

Reinvenzione: una parola e un concetto affascinante e carico di suggestioni e significati. L’avevano utilizzato sul finire del secolo scorso alcune grandi aziende Hi-Tech per sottolineare l’urgenza del cambiamento in uno scenario tecnologico, geopolitico, economico e sociale in rapida evoluzione.

Il concetto è stato ripreso e applicato alla scuola nei mesi scorsi, mentre si accendeva il dibattito sull’opportunità della didattica a distanza e sulle condizioni generali della nostra scuola chiamata ad affrontare l’inedita situazione creata dalla pandemia. Il termine stesso è stato rilanciato nel titolo di un ebook, Reinventare la scuola, del pedagogista Giuseppe Bertagna (che in questo numero di Emmeciquadro sviluppa e approfondisce alcune delle sue proposte). Secondo Bertagna, non si possono «risolvere i problemi dell’educazione, della formazione e dell’istruzione nel nuovo millennio, riproponendo soltanto un aggiustamento delle scelte di un passato che può essere stato glorioso ma che oggi non è ‘inattuale’, nel senso positivo che Nietzche attribuì a questo termine, ma soltanto del tutto ‘anacronistico e distopico’ […] Se non si vogliono ridurre le sfide della globalizzazione ad omologazione uniformizzante e a mera selezione darwiniana del più forte e violento […] è indispensabile introdurre nette soluzioni di continuità rispetto al passato».

Reinventare non è facile ma soprattutto richiede una decisa volontà da parte dei diversi soggetti coinvolti e implica la chiarezza nell’applicazione di criteri innovativi perché – dice ancora Bertagna citando Einstein – «non si possono risolvere i problemi che abbiamo mantenendo la stessa impostazione che li ha creati».

Ecco allora tre parole su cui focalizzare l’attenzione in vista di un possibile rinnovamento.

La prima è “misto” ed è carica dell’esperienza di molte scuole nei mesi scorsi. Riguarda la forma dell’esperienza didattica ed educativa che sarà sempre più vissuta con una pluralità di modi, di strumenti, di condizioni: in presenza e a distanza, con risorse tradizionali e con quelle tecnologicamente avanzate, con la trasmissione diretta di contenuti e con momenti di esplorazione e scoperta da parte degli studenti – pur se all’interno di percorsi guidati dai docenti – sfruttando le enormi potenzialità dei sistemi digitali. Gli amanti dei neologismi all’inglese parleranno di didattica blended (mista) e di approccio phygital (insieme physical e digital); ma tutti poco o tanto faranno esperienza di queste mescolanze.

La seconda parola è “apertura”, applicata nel modo più esteso possibile e declinata in diversi ambiti. Apertura all’innovazione tecnologica, come abbiamo appena detto: un’apertura curiosa ma critica, intelligente ma vigile, con una speciale preoccupazione per le implicazioni pedagogiche e culturali di una esposizione intensa e scontata agli ambienti digitali, ai loro ritmi e alla loro frammentarietà.

Ma apertura anche alle culture, a tutto ciò che è “altro”, educando a un approccio positivo e non superficiale. Come pure apertura al territorio e a tutti quegli input che vengono dal di fuori della scuola e che possono tradursi in opportunità di conoscenza, di crescita, di arricchimento dell’esperienza scolastica. Apertura, come dice Romano Guardini citato nella frase-guida di questo numero, «all’incontro tra persone e a ciò che non è ancora, ma può essere».

Infine la parola forse più importante e che sta alla radice anche delle precedenti: personalizzazione. Essa indica l’obiettivo della trasmissione dei saperi e di tutta l’azione educativa: cioè che tutto ciò che viene proposto – contenuti, attività, conoscenze, competenze, gesti – diventi “personale”, costituisca un fattore di crescita della persona, la aiuti –sempre con Guardini – a «scoprire il senso di sé come persona umana e il suo posto nella rete sociale nella quale vive».

Che queste tre parole si possano applicare all’educazione scientifica lo confermano alcuni esempi raccontati in questo numero: vengono dal tempo del lockdown, dall’interno della vita scolastica – un liceo classico e uno scientifico – e universitaria. Le riflessioni su esperienze come queste saranno preziose per orientare il cammino, per chi lo vorrà intraprendere, della reinvenzione.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA