REGOLAMENTI GELMINI/ Riformiamo anche i libri di testo, insegnando ai ragazzi a “farne a meno”

- La Redazione

Con il nuovo Regolamento Gelmini si presenta l’occasione per ripensare i libri di testo, snellirli, usarli solamente come base di lavoro e re-insegnare ai ragazzi a prendere appunti . Il commento di FABIANO PENOTTI

carrellolibriR375_26mar09

Cambia veramente tutta la scuola superiore e non solo i Licei ma dovremmo attendere la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dei testi definitivi dei Regolamenti e degli Allegati per giudicare con cognizione di causa le scelte operate. Parlando dalla “trincea” senza conoscere, in questo caso da vicino, tutta la rete di contatti, consultazioni, pareri ecc. che intercorrono tra Ministero, Editori, giornali vari – per cui viene il dubbio che ciò che compare sui giornali sia solo una parte e non sempre completa di ciò che sta avvenendo, per cui ci asteniamo da commentare voci che appaiono caratterizzate in modo univoco – ci viene di riepilogare qualche considerazione generale in materia di libri di testo nel contesto di questo momento storico.

La nuova scuola superiore comincerà solo per le prime classi dal prossimo settembre. Chi ricorda qualcosa di storia della scuola italiana, dopo la riforma della scuola media del 1962, è dal 1965 che si attende un aggiornamento della scuola superiore, ma sono passati 45 anni perché la riforma abbia effettivamente inizio: è vero, nella professionale c’è stato il Progetto ’92 che ha cambiato l’ordinamento di quell’ordine di scuola, c’è stato il Decreto 226 del 2005 come sviluppo della Riforma Moratti (legge 53 del 2003) ma siamo ancora al vecchio ordinamento elaborato da Giovanni Gentile nel 1923.

E’ indispensabile che adesso la Riforma (in questo caso, Fioroni- Gelmini) cominci e che non ci siano ulteriori ritardi e che non si verifichino altri ripensamenti, altri “blocchi” comunque possano essere motivati. Questo è il valore primario: cominciare finalmente, perché solo cominciando si potranno riscontare i difetti e si potrà intervenire a ragione veduta per individuare i difetti e le giuste soluzioni. La nostra lunga esperienza di docenti e di dirigenti assicura che solo “facendo” si possono migliorare le cose; solo parlando non si risolveranno mai né si poteranno migliorare. Veniamo ai libri di testo.

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO

 I libri vengono utilizzati solo parzialmente. Ciò significa che in qualche caso il testo viene sì intensamente utilizzato, ed in questo caso converrebbe davvero avere sotto mano il manuale perfettamente confezionato su misura dei programmi, anche se il lavoro degli insegnanti non si limita a leggere il libro di testo, ma da questo prende spunto; in altri casi lo sono molto di meno; a fronte del grande vantaggio dell’effettivo inizio dei nuovi ordinamenti, trattandosi del solo primo anno, non sarà difficile per i docenti sapersi destreggiare, utilizzando le precedenti edizioni ed apportando quelle piccole e poche integrazioni che si rendessero necessarie.

Stimolare i ragazzi a superare qualche difficoltà sull’uso dei libri, motivandoli adeguatamente, usando il metodo degli appunti forse può perfino essere educativo per tutti cogliendo da una difficoltà l’occasione per far emergere le doti nascoste e così imparare come si fa ad imparare anche senza il libro di testo. Ultimo punto: forse è il momento di valutare la mole dei libri, il loro peso ed il loro numero: ci sono state pesanti e prolungate polemiche su questi due aspetti, in passato; probabilmente è giunto il momento di passare dalle parole ai fatti, senza enfasi ma con concretezza.

 

(di Fabiano Penotti Presidente CR.Forma Azienda per la Formazione Professionale – Cremona)  
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori