SCUOLA/ Caro babbo (Natale), vojjamo ‘na scola forte e pos-moderna

- La Redazione

“Caro Babbo Natale, so che manco esisti, però ho capito che se potrebbe fare una scrittura per parlà a chi nun ce sta, ma che se vorebbe tanto che ce fosse”

babbonatale1R439
Lapresse

Caro Babbo Natale,

So che manco esisti, perché ciò 16 anni, e ormai sò grande. Ma, siccome vado a una Scuola Superiore dove la Bbona scola non è riescita a fa fuori tutti sti decrepiti ‘nsegnanti, st’anno ho studiato ancora, come mi nonna, il Cavalcanti. Mo però ho capito che se potrebbe fare una scrittura per parlà a chi nun ce sta, ma che se vorebbe tanto che ce fosse. Che poi è quello che, senza studià, già lo sapevo che mannavo gli sms alla mi tipa nell’ore de lezione. E allora, come vorebbe sto mio “anziano” professore, faccio un compito di imitazione, in attesa che tu ce mandi un proffe del tipo digitonativo, modello Tre Punto Zero, ‘no ggiusto, potenziato e de nova generazione, che ce ‘nsegni a fà ste Competenze, che poi ci serviranno a fotte i concorrenti nelle avverse Sentenze e nee dure Selezioni; e no a sti secchioni che bisticciano pei voti nell’ore dee lezioni. Quinni: 

Cara piccola epistolella, vai arguta, leggera et bella, a dire al mi Babbo Natale che se deve sbrigare, che non è più tempo de giocare; vojjamo ‘na scola forte e pos-moderna, che ci insegni el diritto nostro e la di altri efficienza: tutti vogliamo, cazzo, st’eccellenza; se c’è qualche deficienza, mandaci del dottore la sentenza: ao!, ma nun vedi che er giovane è dis-coso??!! mo daje na prova facilitata e levamoce dar foco sta patata. Dì insomma a Babbo, o letturella, che noi lo si ringrazia di gran cuore per il bonus dato a tutte quelle gran signore che cianno fatto ballà la salsa e la lambada nell’aula fredda pomeridiana tutta ggelata; a tutti quei fricchettoni che cianno portato er dibattito politico al posto della noia de capì sta robba fuffa de la Costituzione; e nun dementecà, o pagginella, de dije la cosa tua più bella, che pure i granni der nostro Collettivo se lo sarebbero magnato vivo el nostro Ministrone dell’Edu-cazzione… ah, è na femmena, mejo, a magnare a Ministrona… ah, mo adesso è naltra Ministra? Ma quanta ggente che se pija cura de nojartri ragazzi dee Superiori! A nojartri cianno pure dato na Carta credditizia a gratise, che c’insegna al Consumo crescitivo, a fa i bbbbboni debbitori … Vabbè, nun dementecarti, oh pergamina, de ringrazziallo, er babbo bono de li bonussoni, per sto miracolo che dice mi fratello granne che fa l’ultim’anno de la quinta: che davero quello che si studia a scora è diventato finalmente vero, che ciabbiamo un Patto Gentiloni vivo ancora sotto l’occhio nostro, artro che infilzato sui libbrii morti de li mortacchioni vostri! ehhhh questa è la robba fina! eh… sti lazzi, eh… sti mi ramponi!  

E so tutti d’accordo sti Gran Signori: an vedi un po’ sto Referendum come li ha fatti tutti bboni, paion tutti un gran coro d’angioloni, come na Candida Rosa il Parlamento, tutto intento de sarvà sta Scora de Modernità, con l’aijuto de sua Santa Responsabbilità: e damoje st’aiutino, Babbino bbello, de no fa anna a carte e quarantotto el Nostro Post-Governo cor suo più bel prodotto: sarva la mi scoletta nova nova, criata da tutti sti boni cervelloni; deh, pistulella, daije daije, cantiamo pure noi tutti tutti insieme in coro: Fatece largo che passamo noi/ sti giovanotti de sta Scora Bella/semo ragazzi fatti cor pennello/ e le ragazze famo innamorà… La società…

 

Tuo, devotissimo Anonimo (sennò i vecchi proffe me bocciano)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori