ELEONORA DANIELE: “IN TV COL PANCIONE FINO A FINE MAGGIO”/ “Dopo il parto…”

- Dario D'Angelo

Eleonora Daniele continua a lavorare nonostante la gravidanza e il coronavirus: “Mi fido della medicina”, dice la conduttrice di Storie Italiane.

eleonora daniele domenica in 640x300
Eleonora Daniele, Domenica In

Eleonora Daniele è entrata nell’ottavo mese di gravidanza ma neanche la pandemia di coronavirus ha avuto la forza di fermarla. La conduttrice di “Storie Italiane” continua ad entrare giorno dopo giorno nelle case degli italiani facendogli compagnia. Intervistata da Tv Sorrisi e Canzoni, la giornalista ha espresso il desiderio di portare a compimento la stagione: “Sarò in tv fino al 29 maggio. Finisco il programma e poi vado a partorire (ride, ndr). Dopo mi aspettano degli esami che sto preparando per prendere una seconda laurea in Psicologia (è già laureata in Scienze della Comunicazione, ndr), una materia che amo da sempre”. La Daniele sceglie così di fidarsi della medicina, che assicura che per la bambina non ci sono rischi. Il tutto prendendo le dovute precauzioni: indossando sempre guanti e mascherina, vivendo in uno studio semi-vuoto e truccandosi anche da sola in camerino.

ELEONORA DANIELE: “IN TV COL PANCIONE FINO A FINE MAGGIO”

Ad accompagnarla in questo percorso c’è il marito, Giulio Tassoni: “Ci sosteniamo in tutto. Pensi che è lui che mi accompagna tutte le mattine in macchina a Saxa Rubra”. Proprio il marito in questo periodo ha iniziato a chiamarla “panzerotto” e passa molto tempo a parlare con la bambina. Sul nome della piccolina non ci sono dubbi: si chiamerà Carlotta, come la nonna materna alla quale la Daniele era legata da una sorta di “cordone ombelicale”. La bambina promette di diventare il centro di gravità della vita di Eleonora, o forse già lo è:”Da quando c’è lei mi sento una bomba: sentirla che si muove dentro di me mi dà una forza incredibile. Giulio le parla tutti i giorni, le dice che non vede l’ora di conoscerla. Io ci parlo meno perché…alla pancia non ci arrivo! Però è bello mettere la mano e sentire che lei in qualche modo risponde con i suoi calcetti. Non credo che la vizierò, anzi, forse sarò un po’ dura: non penso che viziare i figli sia amarli veramente. Ma so che per un padre è impossibile non farlo con una figlia, quindi ci penserà lui!”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA