ELEZIONI COMUNALI 2011/ Milano, i candidati: la scheda di Manfredi Palmeri

- La Redazione

Elezioni amministrative 2011 a Milano: Giuliano Pisapia, Letizia Moratti e Manfredi Palmeri sono i principali candidati alla poltrona di sindaco. La scheda di Manfredi Palmeri (Terzo Polo)

FiniMilano2R400
Manfredi Palmeri, candidato sindaco a Milano (Ansa)

ELEZIONI COMUNALI 2011 – 15 e 16 MAGGIO 2011 – MILANO – CANDIDATI – I cittadini di Milano sono chiamati a eleggere il loro Sindaco e i componenti del Consiglio comunale. L’elettore, in un’unica scheda voterà per il Sindaco e per una lista. All’interno della lista scelta può segnalare la preferenza nominativa di un candidato alla carica di consigliere comunale.

MANFREDI PALMERI – Manfredi Palmeri è nato a Palermo il 10 gennaio 1974. Vive a Milano dal 1993 dove ha studiato Economia Aziendale all’Università Bocconi. Da 10 anni Consigliere comunale a Milano e da 5 Presidente del Consiglio, eletto dall’Aula di Palazzo Marino il 23 giugno 2006. In relazione al ruolo istituzionale ha presieduto la Commissione comunale per le Civiche Benemerenze e quella per le Onoranze al Famedio è stato Presidente del Comitato dei Garanti della Associazione “Giardino dei Giusti di tutto il mondo” di Milano e componente della Assemblea dei Soci.

Nell’ambito dell’Anci, l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani, nel 2010 è stato eletto nell’Ufficio di Presidenza ed è Presidente Nazionale della Commissione Cultura e Beni Culturali.
Dal 1997 al 1999 è stato nel Consiglio di Amministrazione dell’Università Bocconi e dal 2003 al 2009, Consigliere Delegato e componente del Consiglio di Indirizzo e del Consiglio di Gestione della Fondazione Scuole Civiche Milano – Politecnico della Cultura

MANFREDI PALMIERI – LE LISTE – Manfredi Palmeri Sindaco Casini Libertas; Unione di Centro Nuovo Polo per Milano Palmeri Sindaco.

COME SI VOTA – ELEZIONI COMUNALI E PROVINCIALI – 15 E 16 MAGGIO 2011 – Le Elezioni amministrative 2011 si terranno domenica 15 e lunedì 16 maggio. Si potrà votare dalle 8.00 alle 22.00 domenica e dalle 7.00 alle 15.00 lunedì. In caso di ballottaggio, si tornerà alle urne domenica 29 e lunedì 30 maggio con gli stessi orari.

COS’E’ IL VOTO DISGIUNTO – Ogni lista presenta un candidato che può essere sostenuto da più liste. L’elettore può esprimere un voto sia per una lista che per un candidato. Si ha il voto disgiunto quando l’elettore vota per una lista, ma contemporaneamente vota anche un candidato non sostenuto dalla stessa lista.

SCHEDA AZZURRA: I COMUNI CON PIU’ DI 15.000 ABITANTI – Si voterà con una scheda di colore azzurro nei comuni con più di 15.000 abitanti, su cui sono riportati i nomi dei candidati alla carica di sindaco, e i contrassegni della lista/e a cui il candidato è collegato. È possibile votare per il candidato sindaco, per una lista o per il candidato e per una delle liste a cui è collegato, tracciando un segno sugli apposito contrassegno. Si potrà esprimere un’unica preferenza per il candidato consigliere comunale, scrivendo semplicemente il nominativo. E’ POSSIBILE ESPRIMERE IL VOTO DISGIUNTO, indicando quindi il candidato sindaco per cui si vuole votare e una lista a cui però non è collegato.

SCHEDA GIALLA: LE PROVINCE – NON E’ AMMESSO IL VOTO DISGIUNTO: Si può votare per uno dei candidati al consiglio provinciale, ma in questo modo la preferenza andrà anche al candidato alla carica di presidente della provincia a lui collegato. Si può anche votare direttamente il candidato alla carica di presidente della provincia e per uno dei candidati al consiglio provinciale. Volendo si può votare anche solo per chi è in carica a presidente della provincia.

SCHEDA AZZURRA: I COMUNI CON MENO DI 15.000 ABITANTI – Si può votare per uno dei candidati alla carica i sindaco, tracciando un segno sul simbolo della lista che lo sostiene. Sarà anche possibile esprimere la propria preferenza per un candidato alla carica di consigliere comunale, scrivendo il cognome.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori