ELEZIONI REGIONALI 2010/ Come si vota alle elezioni regionali del 28-29 marzo: le regioni e i candidati

- La Redazione

Tredici regioni saranno coinvolte nelle prossime elezioni regionali del 28 e 29 marzo 2010. Tra le regioni principali, Lombradia, Lazio, Piemonte, Emilia Romagna, Campania. All’interno tutte le informazioni su come votare, le regioni interessate e i candidati

Urna_VotoR375

Elezioni regionali 2010 – Le elezioni regionali del 2010 si terranno domenica 28 e lunedì 29 marzo. Si voterà domenica dalle ore 8.00 alle ore 22.00 e lunedì dalle ore 7 alle ore 15. La consultazione interesserà tredici regioni a statuto ordinario: Piemonte, Lombardia, Veneto, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Campania, Puglia, Basilicata e Calabria. I cittadini saranno chiamati ad eleggere il nuovo Consiglio Regionale e, contestualmente, il Presidente di Regione. Nella stessa data, si terrà inoltre una tornata di elezioni amministrative in diverse aree del Paese.

Elezioni regionali 2010, scrutinio – Le operazioni di scrutinio per le elezioni regionali avranno inizio lunedì 29 marzo, subito dopo la chiusura della votazione e l’accertamento del numero dei votanti per tutte le consultazioni che hanno avuto luogo.

Elezioni regionali 2010, come si vota

L’elettore può:
– votare per una delle liste provinciali, tracciando un segno nel relativo rettangolo. Il voto così espresso s’intende attribuito anche a favore della lista regionale collegata;
– esprimere un voto disgiunto, cioè tracciare un segno nel rettangolo recante una delle liste provinciali ed un altro segno sul simbolo di una lista regionale, non collegata alla lista provinciale prescelta, o sul nome del suo capolista. In tal caso il voto è validamente espresso per la lista provinciale e per la lista regionale prescelte anche se non collegate fra di loro;
– esprimere un unico voto per una delle liste regionali e per il suo capolista tracciando un segno sul simbolo di una lista regionale o sul nome del capolista, senza segnare nel contempo, alcun contrassegno di lista provinciale. In tal caso s’intende validamente votata la lista regionale ed il suo capolista, mentre è esclusa ogni attribuzione di voto alla lista o alle liste provinciali collegate.
In ogni caso, l’elettore può esprimere un solo voto di preferenza per un candidato alla carica di consigliere compreso nella lista provinciale prescelta, scrivendone nell’apposita riga tracciata sulla destra del contrassegno il nominativo (solo il cognome o, in caso di omonimia, il cognome e nome e, ove occorra, data e luogo di nascita).

CLICCA IL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE LA LETTURA DELL’ARTICOLO SULLE ELEZIONI REGIONALI 2010

Elezioni regionali 2010, alleanze – Rispetto alle elezioni del 2005, si evince la profonda differenza soprattutto del quadro politico: viene meno il sistema imperniato sulla presentazione, in tutto il territorio nazionale, di coalizioni aventi la medesima articolazione interna. I poli entro i quali si registrano gli accordi elettorali sono i due partiti maggiori: il Popolo della Libertà e il Partito Democratico.
– La Lega Nord, La Destra, i Popolari Udeur, l’Alleanza di Centro, la Democrazia Cristiana e il Movimento per l’Italia si presentano in coalizione con il PdL in tutta Italia.
– L’Unione di Centro decide di allearsi col PD in Piemonte, Liguria, Marche e Basilicata; col PDL in Lazio, Campania e Calabria; da sola o con altre forze minori nelle altre regioni.
– L’Italia dei Valori si presenta col PD, tranne che in Calabria.
– I Radicali Italiani decidono di formare la Lista Bonino Pannella, che si presenta con un candidato autonomo in Toscana; col PD in Piemonte, Lazio, Campania e Puglia; con l’IdV in Calabria.
– Il Partito Socialista Italiano (PSI) si presenta nell’ambito del centro-sinistra. In ogni regione in cui si vota supporta i candidati presidenti di questa coalizione. Si presenta con il proprio simbolo e in autonomia nell’ambito della sopraccitata alleanza nel Lazio, in Lombardia, in Piemonte, in Umbria, in Basilicata. In alleanza con SEL (simbolo misto PSI+SEL) in Puglia, in Calabria, in Campania e in Veneto. Con un’alleanza riformista in cui compare anche il simbolo del PSI nelle Marche. Con propri candidati consiglieri è presente nella lista civica che appoggia il candidato presidente Burlando in Liguria. Infine è presente in alleanza con propri candidati consiglieri nelle liste del PD e di Toscana Democratica e Riformista in Emilia Romagna e Toscana.
– La Federazione della Sinistra si presenta da sola in Lombardia e in Campania, con Sinistra Ecologia Libertà nella Marche e fa un accordo tecnico col PD nel Lazio e in Piemonte, mentre nelle altre regioni è in coalizione col PD.
– Sinistra Ecologia Libertà si è alleato col PD in tutta Italia tranne che nelle Marche dove corrono insieme alla Federazione della Sinistra; in Puglia in particolare l’intero centro-sinistra corre con un suo candidato.
– L’Alleanza per l’Italia si schiera dove può col PD o in alleanza con l’Unione di Centro.
– Il Movimento per le Autonomie appoggia Caldoro in Campania, Loiero in Calabria e la Poli Bortone in Puglia.
– Il Movimento Cinque Stelle ispirato da Beppe Grillo si presenta in Campania, Emilia-Romagna, Piemonte, Veneto e Lombardia.
– Forza Nuova presenterà propri candidati alla presidenza in Lombardia, Veneto, Toscana e Campania.

 

CLICCA IL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE LA LETTURA DELL’ARTICOLO SULLE ELEZIONI REGIONALI 2010

Elezioni regionali 2010, le primarie –  In alcune regioni, le forze politiche del centro-sinistra hanno promosso elezioni primarie per la scelta dei candidati alla presidenza di regione e dei candidati consiglieri regionali.
 – In Toscana, vista la presenza di una sola candidatura, le primarie hanno riguardato soltanto l’individuazione dei candidati consiglieri regionali; ad esse hanno preso parte il PD e Sinistra Ecologia Libertà.
 – In Umbria, le primarie hanno riguardato il solo PD: i candidati erano Catiuscia Marini (54%) e Giampiero Bocci (46%).
 – In Puglia si sono svolte primarie di coalizione tra il presidente uscente, leader di Sinistra Ecologia Libertà, Nichi Vendola (70%) e Francesco Boccia (30%), candidato ufficiale del PD. Il caso ha avuto rilevanza nazionale in quanto, in caso di vittoria di Boccia, la coalizione avrebbe ricevuto anche il sostegno dell’UDC.
 – In Calabria le primarie si sono svolte all’interno del PD: si sono sfidati Agazio Loiero (54%), Giuseppe Bova (39%), Bruno Censore (7%).

 

CLICCA IL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE LA LETTURA DELL’ARTICOLO SULLE ELEZIONI REGIONALI 2010

Elezioni regionali 2010, le regioni in cui si vota e i candidati

Piemonte
Pd e alleati:  Mercedes Bresso (PD)      PdL e alleati: Roberto Cota (Lega Nord)  
Unione di centro: in coalizione col PD
Altri: Renzo Rabellino (No euro, Forza Nuova, Fiamma Tricolore e altre liste) Davide Bono  (Movimento cinque stelle)
Presidente uscente: Mercedes Bresso (PD)

Lombardia
Pd e alleati: Filippo Penati (PD)            PdL e alleati: Roberto Formigoni (PdL)
Unione di centro: Savino Pezzotta
Altri: Vittorio Agnoletto (Federazione della Sinistra)   Vito Crimi  (Movimento cinque stelle) Gian Mario Invernizzi (Forza Nuova)
Presidente uscente:  Roberto Formigoni (PdL)

Veneto
Pd e alleati: Giuseppe Bortolussi (PD)   PdL e alleati: Luca Zaia (Lega Nord)
Unione di centro: Antonio De Poli
Altri: David Borrelli (Movimento 5 Stelle)  Gianluca Panto (Partito Nasional Veneto) Paolo Caratossidis (Forza Nuova)  Silvano Polo (Veneti Indipendensa)
Presidente uscente: Giancarlo Galan (PdL)

Liguria
Pd e alleati: Claudio Burlando (PD)       PdL e alleati: Sandro Biasotti (PdL)
Unione di centro: in coalizione col PD
Presidente uscente: Claudio Burlando (PD)

Emilia-Romagna
Pd e alleati: Vasco Errani (PD) )            PdL e alleati:  Anna Maria Bernini (PdL)
Unione di centro: Gianluca Galletti
Altri: Giovanni Favia (Movimento cinque stelle)
Presidente uscente: Vasco Errani (PD)

 

CLICCA IL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE LA LETTURA DELL’ARTICOLO SULLE ELEZIONI REGIONALI 2010

Toscana
Pd e alleati: Enrico Rossi (PD)               PdL e alleati: Monica Faenzi (PdL)
Unione di centro: Francesco Bosi
Altri: Alfonso De Virgiliis (Lista Bonino Pannella) Ilario Palmisani (Forza Nuova)
Presidente uscente: Claudio Martini (PD)

Marche
Pd e alleati: Gian Mario Spacca (PD)    PdL e alleati: Emilio Marinelli (PdL)
Unione di centro: in coalizione col PD
Altri: Massimo Rossi (FdS, SEL)
Presidente uscente: Gian Mario Spacca (PD)

Umbria
Pd e alleati: Catiuscia Marini (PD)       PdL e alleati: Fiammetta Modena (PdL)
Unione di centro: Paola Binetti
Presidente uscente: Maria Rita Lorenzetti (PD)

Lazio
Pd e alleati: Emma Bonino (Lista Bonino Pannella)     PdL e alleati: Renata Polverini (PdL) (Il Popolo della Libertà ha presentato in ritardo le liste per il collegio della provincia di Roma, restando escluso dalla competizione elettorale in tale provincia)
Unione di centro: in coalizione col PDL
Altri: Marzia Marzoli (Rete dei Cittadini)
Presidente uscente: Piero Marrazzo (PD)

Campania
Pd e alleati: Vincenzo De Luca (PD)     PdL e alleati: Stefano Caldoro (PdL)
Unione di centro: in coalizione col PDL
Altri: Paolo Ferrero (Federazione della Sinistra) Roberto Fico (Movimento cinque stelle) Michele Antonio Giliberti (Forza Nuova)
Presidente uscente: Antonio Bassolino (PD)

CLICCA IL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE LA LETTURA DELL’ARTICOLO SULLE ELEZIONI REGIONALI 2010

Puglia
Pd e alleati: Nichi Vendola (SEL)          PdL e alleati: Rocco Palese (PdL)
Unione di centro: Adriana Poli Bortone 
Altri: Michele Rizzi (Alternativa Comunista)
Presidente uscente: Nichi Vendola (SEL)

Basilicata
Pd e alleati: Vito De Filippo (PD)          PdL e alleati: Nicola Pagliuca (PdL)
Unione di centro: in coalizione col PD
Altri: Magdi Allam (Io amo la Lucania)
Presidente uscente: Vito De Filippo (PD)

Calabria
Pd e alleati: Agazio Loiero (PD)            PdL e alleati: Giuseppe Scopelliti (PdL)
Unione di centro: in coalizione col PDL
Altri: Filippo Callipo (Italia dei Valori, Lista Bonino Pannella)
Presidente uscente: Agazio Loiero (PD)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori