Diretta Elezioni Regionali Puglia 2020/ Come si vota: affluenza h23 al 39,63%

- Niccolò Magnani

Diretta Elezioni Regionali Puglia 2020: risultati exit poll, sondaggi, candidati e liste, la sfida tra Emiliano e Fitto. Come si vota: affluenza h23 al 39,63%

Fitto ed Emiliano
Raffaele Fitto e Michele Emiliano in un incontro del 2010 (LaPresse)

Continua il trend di crescita dell’affluenza per le Elezioni Regionali Puglia 2020. Il portale Eligendo del Ministero degli Esteri riporta che il dato è passato dal 27,60% delle ore 19.00 al 39,63% delle ore 23.00. Una delle percentuali più alte tra le sette regioni al voto, questa la ripartizione per Provincia: Bari dal 29,20 delle ore 19.00 al 41,03% delle ore 23.00, Barletta-Andria-Trani dal 29,72% al 44,03%, Brindisi dal 26,71% al 37,91%, Foggia dal 25,07% al 34,67%, Lecce dal 27,84% al 40,46% e Taranto dal 25,67% al 38,53%. Ricordiamo che alle Regionali del 2015 il dato dell’affluenza si fermò al 51,15%, in netto calo rispetto al 62,29% registrato alle elezioni precedenti.. Ricordiamo inoltre che domani, lunedì 21 settembre 2020, i cittadini pugliesi potranno recarsi alle urne dalle ore 7.00 alle ore 15.00 per decidere chi eleggere nuovo governatore e per rinnovare il Consiglio Regionale. (Aggiornamento di MB)

DIRETTA ELEZIONI REGIONALI PUGLIA 2020: AFFLUENZA H19

Continua a restare molto bassa l’affluenza anche alle ore 19 in Regione Puglia, sotto alla media nazionale ferma al 29,86%: alle Elezioni Regionali pugliese hanno votato finora il 27,6% degli aventi diritto al voto. La provincia con maggiore afflusso alle urne resta Barletta, Trani, Andria anche per la presenza contemporanea di ben due Elezioni Comunali nei capoluoghi di provincia: 29,72 per BAT, segue Bari con 29,2%, Lecce al 27,8%, Brindisi al 26,7%, Taranto al 25,6%, Foggia al 23,4% degli aventi diritto al voto. Nelle città più importanti della Puglia l’affluenza alle ore 19 resta lievemente più alta rispetto alla media regionale, con Bari al 30,2%, Lecce al 30,77%, Foggia al 30,79%. Male Taranto al 24% e Barletta al 28,48% mentre Andria spicca al 33,7% di affluenza alle ore 19: al Referendum 2020 la Puglia segna il 30,28% come affluenza generale, mentre per le Comunali il dato sale al 35,12%. Polemiche sui social e tra i candidati per il messaggio lanciato dal Presidente uscente della Regione Michele Emiliano dove scrive «Vota il Consigliere che ti piace che sia di destra o 5Stelle non importa, la cosa fondamentale è che il voto per il Presidente sia per Michele Emiliano».

AFFLUENZA ORE 12 AL 12,04%

Alle ore 12 hanno votato per le Elezioni Regionali in Puglia il 12,01% degli aventi diritto al voto: un dato sicuramente non altissimo ma che si spiega, oltre all’emergenza Covid, anche con lo “spalmarsi” su due giorni delle Elezioni 2020. Sui 257 Comuni di Puglia, la provincia di Bari presenta un 12,95% di affluenza generale, a Barletta-Andria-Trani il 12,76%, a Brindisi l’11,53%. A Foggia l’affluenza crolla al 9,73% mentre a Lecce sale al 12,17%, chiude la provincia di Taranto con l’11,23% nei 29 Comuni presenti. La sfida a 4 per la guida della Regione Puglia avrà i primi dati su exit poll e risultati ovviamente domani alle ore 15 con la chiusura dei seggi, mentre i prossimi dati sull’affluenza si avranno alle ore 19 di questa sera e alle 23, oltre ovviamente lunedì dopo la chiusura delle urne e l’inizio dello spoglio.

TESTA A TESTA FITTO-EMILIANO?

Michele Emiliano contro Raffaele Fitto: secondo i sondaggi della vigilia sarà questo il testa a testa che si consumerà nelle elezioni Regionali Puglia 2020. Seggi aperti in tutta la Regione ormai da qualche minuto e grande attesa per il risultato di una sfida che potrebbe rappresentare uno “stress test” importante anche a livello nazionale in caso di sconfitta del governatore uscente. Un indicatore dell’andamento del voto, secondo gli osservatori, potrebbe essere quello relativo all’affluenza. Come riportato da La Repubblica, infatti, sulla carta un’affluenza non altissima potrebbe avvantaggiare il centrosinistra di Michele Emiliano. Nel caso in cui invece la partecipazione al voto fosse massiccia, il maggiore indiziato di vittoria potrebbe essere Raffaele Fitto: un’ampia partecipazione alle urne potrebbe essere infatti il sintomo di una volontà diffusa di dare la “spallata” al governatore in carica. (agg. di Dario D’Angelo)

DIRETTA ELEZIONI REGIONALI PUGLIA

La Puglia assieme alla Toscana è la sfida forse più interessante per rilevanza nazionale alle Elezioni Regionali 2020 in corso oggi domenica 20 settembre (dalle ore 7 alle 23) e domani lunedì 21 settembre (dalle 7 alle 15, poi inizio dello spoglio): nel vasto election day scelto dal Governo ancora in allerta Covid-19, le Regionali Puglia 2020 rappresentano un momento importante per il Centrosinistra che dopo tre giunte consecutive (dal 2005 due volte Vendola e l’ultima con Emiliano) vede na sfida probabilmente all’ultimo voto con il rivale del Centrodestra Raffaele Fitto. Non solo, la Puglia è anche la Regione d’origine del Premier Giuseppe Conte che alla vigilia delle Elezioni aveva chiesto una convergenza di alleanze delle forze presenti nel suo Governo: e invece, tanto il M5s quanto Italia Viva, presentano candidati autonomi in rotta con la linea di Michele Emiliano. Secondo gli ultimi sondaggi disponibili prima del silenzio elettorale del 4 settembre scorso (Supermedia YouTrend), il Centrodestra era dato in lieve vantaggio con il 41,2% delle preferenze contro il 38,4% del Pd (M5s 14,8% e Scalfarotto-Iv al 3,3%). Urne aperte, si vota fino a domani alle ore 15 con i primi exit poll e successivi risultati che arriveranno nel corso della giornata-serata di lunedì: seguiremo come sempre tutto in diretta, con diversi focus che troverete sia nelle prossime ore e sia qui sotto riguardo al come si vota e chi in queste Elezioni Regionali 2020.

GLI 8 CANDIDATI IN PUGLIA

Sono 8 i candidati Governatore alla Regione Puglia che si sfidano nelle Elezioni Regionali, anche se due in particolare partono con i favori del pronostico: Michele Emiliano, già sindaco di Bari e Presidente uscente si presenta con il sostegno di parte del Centrosinistra, con ben 15 liste Partito Democratico, Democrazia Cristiana, Liberali, Sinistra Alternativa, Senso Civico, Italia in Comune, Con Emiliano, Emiliano Sindaco di Puglia, Popolari con Emiliano, Partito Animalista, Partito del Sud, Puglia Solidale Verde, Pensionati e Invalidi, Partito Pensiero e Azione, Sud Indipendente Puglia. Raffaele Fitto, ex Presidente Puglia (2000-2005) è il candidato del Centrodestra unito con 5 liste: Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia, Unione di Centro-Nuovo PSI, La Puglia Domani. Antonella Laricchia è invece la candidata di Movimento 5 Stelle e Puglia Futura, ha rifiutato l’annessione al candidato unico Emiliano e si presenta dopo aver vinto le Regionarie M5s; Ivan Scalfarotto è invece il candidato scelto da Italia Viva, Futuro Verde, Scalfarotto Presidente-PiùEuropa (con il sostegno anche di Azione-Calenda): sottosegretario agli Esteri, è il candidato renziano anti-Emiliano. Gli altri candidati sono Piefranco Bruni (movimento sociale Fiamma Tricolore); Nicola Cesaria (Lavoro Ambiente Costituzione, Rifondazione Comunista); Mario Conca (Cittadini Pugliese – Conca Presidente); Andrea Agosto (Riconquistare l’Italia).

COME SI VOTA ALLE REGIONALI 2020: LA SCHEDA ELETTORALE

Tanto in Puglia quanto nelle altre Regioni al voto in questo 20-21 settembre, la legge elettorale prevede un turno unico (tranne in Toscana dove il ballottaggio è ammesso in determinate situazioni) con vincente il candidato che ottiene più voti nei risultati finali. È in vigore un sistema di voto proporzionale con l’assegnazione dei 50 seggi che viene redatta su base circoscrizionale (23) e in parte sul listino unico regionale (27): non v’è soglia di sbarramento ed è ammesso il voto disgiunto, con sempre d’obbligo in caso di doppia preferenza tra consiglieri il genere misto (un uomo e una donna). La Puglia è suddivisa in 6 circoscrizioni regionali: Bari; Barletta-Andria-Trani; Brindisi; Foggia; Lecce; Taranto. Previsto anche un premio di maggioranza pari a 29 seggi nel caso si ottenga almeno il 40% delle preferenze, 28 seggi tra 35-40% e 27 seggi sotto il 35%. Mentre è d’obbligo il rispetto di tutte le regole anti-Covid fuori e all’interno dei seggi elettorali, per capire come si vota restano davvero poche e semplici indicazioni: basta una X o sul candidato Presidente, o sulla lista ad esso collegato, o su entrambe. Occorre portare con sé mascherina indossata, carta d’identità e tessera elettorale regolarmente valida:

© RIPRODUZIONE RISERVATA