Elisa Bartolotti “All’asta la mia verginità”/ “Gli uomini mi hanno usata, ora però..”

- Anna Montesano

Elisa Bartolotti torna a Live non è la D’Urso. Procede il suo percorso per tornare vergine e segue la decisione di mettere poi all’asta la sua verginità ritrovata

elisa bartolotti live
Elisa Bartolotti a Live non è la d'Urso

La bellissima Elisa Bartolotti non demorde. La coniglietta di Playboy torna ospite a Live non è la D’Urso e conferma la volontà di sottoporsi ad un’operazione per tornare vergine. Ma non è tutto perché Elisa ha deciso di mettere poi la sua ritrovata verginità all’asta. Ne parla con Barbara D’urso, che ha seguito la modella nella visita valutativa alla quale si è sottoposta col dottor Giacomo Urtis per capire se l’operazione fosse realmente fattibile oppure no. Il servizio la mostra sul lettino, pronta con ansia a ricevere il responso che è proprio quello che sperava: l’operazione si può fare. C’è però una brutta notizia, Urtis infatti la avverte: “Una volta ricucita la membrana dovrai attendere almeno 40 giorni per poter fare sesso”. La Bartolotti storce il naso eppure al contempo ammette di desiderare ardentemente questa operazione e in studio spiega il perché.

Elisa Bartolotti a Live non è la D’Urso: “Ecco perché voglio tornare vergine”

Mentre nello studio di Live non è la D’Urso si scatena un po’ di polemica per la decisione di mettere la verginità all’asta, Elisa Bartolotti tiene a specificare che la decisione presa non nasce da una necessità di ottenere visibilità. “Non ho bisogno di fare questo per avere visibilità – replica a chi lo sospetta – Io già lavoro in tv, sono contentissima di essere da Barbara che ringrazio ma io non ho bisogno di questo, non ho bisogno di lucrare sul mio dolore, sulla mia sofferenza” ammette. Così spiega: “Io lo faccio perché, visto che sono stata sempre usata dagli uomini, considerata carne da macello e sono valsa meno di zero, voglio vedere quanto un uomo è disposto a dare per avermi”. Non ci resta che scoprire come proseguirà il percorso di Elisa.



© RIPRODUZIONE RISERVATA