Elisabetta e Tito, moglie e figlio di Bugo/ “Sono orgogliosa di te”

- Ilaria Macchi

Bugo, chi sono Elisabetta e Tito, moglie e figlio del cantante? I due si sono sposati nel 2011, anno in cui è uscita la sua canzone “I miei occhi vedono”

Bugo Rai
Bugo Rai

Pur vantando una lunga carriera nel mondo della musica, Bugo è diventato inevitabilmente popolare un anno fa in occasione della sua discussa partecipazione al Festival di Sanremo. Il cantante aveva deciso di presentarsi in gara in coppia con Morgan, ma a causa di alcuni dissapori sorti dietro le quinte l’ex leader dei Bluevertigo aveva deciso di “vendicarsi” storpiando a canzone con cui dovevano gareggiare proprio per prendere in giro il collega.

L’esclusione dalla kermesse era stata quindi una conseguenza naturale, anche se quell’accaduto aveva scatenato un moto di solidarietà nei confronti del “malcapitato” Bugo, che non aveva alcuna responsabilità.

Elisabetta e Tito: da chi è composta la famiglia di Bugo

Ormai da anni Bugo ha raggiunto la serenità in ambito privato grazie alla moglie, Elisabetta. Difficilmente lei compare al suo fianco nelle occasioni ufficiali, ma non manca comunque di sostenerlo, anche se da lontano, nei momenti più importanti della sua carriera.

I due si sono sposati nel 2011, anno in cui è uscita la sua canzone “I miei occhi vedono“, brano che ha dedicato alla donna della sua vita. Poco tempo dopo a coronare il loro legame è arrivato il loro unico figlio, Tito. Il loro matrimonio è stato celebrato in India, dove lei lavorava: lei è infatti un diplomatico: “L’ho conosciuta nel 2004 e non era ancora un diplomatico – ha raccontato lui al ‘Corriere della Sera’ -. Diplomatico vuol dire che ha fatto il concorso da diplomatico per diventare funzionario pubblico del Ministero degli Affari Esteri. Abbiamo deciso di sposarci in India, con rito cattolico ovviamente”.

Un anno fa a Sanremo lei era stata tra le prime a far pervenire un messaggio di sostegno al cantante, breve ma significativo: “Sono orgogliosa di te” – ha scritto.





© RIPRODUZIONE RISERVATA