Emergenza abitativa Foggia/ Appello di Francesco Fredella: “Famiglie dimenticate..”

- Hedda Hopper

Emergenza abitativa Foggia a Storie Italiane, l’appello di Francesco Fredella su Rai1 questa mattina: “Famiglie dimenticate, spero che le Istituzioni”

francesco fredella min e1608721911426 640x300
Francesco Fredella a Storie Italiane - Screenshot da video

L’emergenza abitativa a Foggia è protagonista del finale della puntata antivigilia di Storie Italiane. Eleonora Daniele è pronta ad aprire di nuovo un faro su quello che sta succedendo a Foggia dove delle mamme erano pronte a trasferirsi con i loro bambini in nuovi alloggi per un Natale dignitoso ma alla fine si sono dovute arrendere ad un nuovo no e nuovi ostacoli. Oggi ai microfoni di Storie Italiane lanciano di nuovo i loro appelli e protestano. Mentre scorrono le immagini di tetti fatiscenti e di condizioni vergognose in cui vivere per colpa dell’incuria e degli ostacoli a cui la burocrazia ci ha abituati, in collegamento e in supporto a queste famiglie, arriva Francesco Fredella, giornalista e speaker radiofonico di RTL 102.5 spesso ospite di Eleonora Daniele a Storie Italiane.

Emergenza abitativa Foggia a Storie Italiane, l’accorato appello di Francesco Fredella

Francesco Fredella ha ascoltato l’appello delle mamme e le parole di Eleonora Daniele pronta a dare loro voce fino a quando avrà fiato, e poi ha deciso di fare il suo accorato intervento a loro favore: “Per loro non è Natale, è una storia che hai raccontato con la tua trasmissione e grazie perché il servizio pubblico ha portato alla luce un problema che in questo caso sta vivendo la città di Foggia che conosco molto bene, conosco bene il posto in cui vivono, è spettrale vedere in che condizioni vivono. Parliamo di un mondo che va alla velocità diversa da quel mondo che stai raccontando e che vive Foggia, è uno spaccato che sembra il terzo, il quarto e il quinto modo… famiglie dimenticate dalle istituzioni che hanno potuto lavorare fino ad un certo punto e poi c’è stata la marcia indietro di questi imprenditori locali, faccio un appello affinché si possa dal 27, da lunedì, si possa già mettere imprenditori e istituzioni intorno ad un tavolo per trovare una soluzione, è vergognoso che famiglie e bambini vivano in questo modo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA