Emilia Guarnieri nominata Grande Ufficiale Ordine al Merito/ “È un premio al Meeting”

- Raffaele Graziano Flore

Emilia Guarnieri nominata Grande Ufficiale dell’Ordine Merito della Repubblica Italiana: “Grata al Presidente Sergio Mattarella: è un premio al Meeting di Rimini”

Emilia Guarnieri, in uno scatto con Sergio Mattarella
Emilia Guarnieri assieme a Sergio Mattarella (foto: Meeting Rimini)

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito a Emilia Guarnieri, collaboratrice de ilSussidiario.net, la prestigiosa onorificenza di Grande Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: come è noto, l’Ordine rappresenta una della massime onorificenze ed è nato con lo scopo di ricompensare coloro che hanno “acquisito benemerenze verso la Nazione nel campo delle scienze, delle lettere, delle arti, dell’economia e nel disimpegno di pubbliche cariche e di attività svolte ai fini sociali, filantropici ed umanitari, nonché per lunghi e segnalati servizi nelle carriere civili e militari”.

Ad Elena Guarnieri, fondatrice e successivamente per 27 anni presidente del Meeting di Rimini, era già stata conferita nel 2003, dall’allora Capo dello Stato Carlo Azeglio Ciampi, l’onorificenza di Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. “Ho accolto con stupore e gratitudine la notizia che il presidente Mattarella mi ha conferito l’onorificenza di Grande Ufficiale” è stato il commento a caldo della diretta interessata, aggiungendo che si tratta di un riconoscimento che, attraverso la sua persona, premia anche il Meeting. “E questo mi fa immensamente piacere: ma che una presenza come il Meeting venga riconosciuta come un valore per tutti non è scontato. E tale consapevolezza aumenta la gratitudine verso il presidente” ha sottolineato, ricordando anche il discorso del Capo dello Stato alla platea di Rimini nell’edizione 2016.

MATTARELLA NOMINA EMILIA GUARNIERI ‘GRANDE UFFICIALE DELL’ORDINE AL MERITO’

Grande soddisfazione per l’onorificenza conferita ad Emilia Guarnieri è stata espressa pure da Bernhard Scholz, presidente del Meeting: “Sono grato al Presidente della Repubblica che abbia voluto riconoscere con questa altissima onorificenza il grande merito di Emilia Guarnieri di aver sempre guidato il Meeting di Rimini con un profondo orientamento al bene del Paese e al bene dell’Europa” ha detto sottolineando anche la sua “instancabile dedizione” e aggiungendo che “la direzione che Emilia ha indicato e la passione che ha comunicato sono entrati nel dna del Meeting”.

Nata il 19 giugno 1947 a Varazze, Emilia Guarnieri è sposata e madre di due figlie: ma è Rimini, dove si è trasferita nel 1961, la sua patria di adozione. Qui frequenta il Liceo Classico “Giulio Cesare” per poi iscriversi alla facoltà di Lettere Moderne dell’Università di Bologna dove si laurea con lode: dopo essere diventata titolare di una cattedra di italiano e latino, nel 1980 è tra i fondatori del Meeting per l’amicizia fra i popoli. Fin dalle prime mosse della manifestazione è responsabile culturale e dal 1993, sempre da volontaria, ne diviene la Presidente. Nel 2003 le viene conferita l’onorificenza di Commendatore dell’Ordine al Merito mentre nel 2004 riceve il Sigismondo d’Oro, riconoscimento conferito dal Comune di Rimini ai concittadini che abbiano onorato la città con la loro attività. L’11 marzo del 2020 lascia la presidenza del Meeting e attualmente, oltre a essere membro del Comitato scientifico della Fondazione Unicampus San Pellegrino, collabora a progetti culturali ed editoriali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA