Emis Killa/ “Le ascelle di una donna non devono puzzare!”, scoppia la polemica

- Valentina Gambino

Emis Killa, un tweet sulla “puzza di ascelle” scatena la polemica sul web: ecco cosa è successo.

emis_killa_2017
Emis Killa

Emis Killa ha fatto nuovamente infuriare il popolo del web. Per colpa di un tweet, il rapper è stato additato come maschilista, mentre lui – di riflesso – ha puntato il dito contro la rete, accusando gli utenti di ipocrisia. Cosa è successo in dettaglio? Emis ha espresso il suo particolare pensiero nei confronti delle donne e la sudorazione estiva (si presume): “A una donna non dovrebbero mai puzzare le ascelle. Neanche se fa la maratona di New York. Che incubo”, ha scritto. Successivamente, ha anche specificato che la stessa cosa dovrebbe assolutamente valere anche per gli uomini. A un utente che commentava: “E per l’uomo, il detto ‘l’uomo deve sempre puzzare’ ha la stessa valenza di ‘donna baffuta sempre piaciuta’. E la chiudo lì”, il rapper ha replicato: “Fesserie. Uomini puzzoni fate schifo ai porci. Donne baffute non parliamone nemmeno. Dio benedica la nivea”. Naturalmente in poche ore, i toni del web si sono fatti aspri e proprio Killa, ha dovuto fare una lunga serie di precisazioni.

Emis Killa, esplode la polemica per colpa di un tweet

Emis Killa, per cercare di spegnere la polemica creata, ha dovuto pure fare una live su Instagram, dove ha spiegato di ricevere insulti da un gruppo di femministe: “Il commento era provocatorio e ironico. Fa parte dell’ironia che ho da un po’ e che non viene capita. A parte che anche gli uomini non dovrebbero puzzare. Che ho detto di male? A me la gente che non si lava fa schifo. Sono scuse per darmi contro. Non ci siamo. Se vi indignate significa che voi puzzate”. Successivamente il rapper ha continuato a precisare il suo punto di vista tramite Twitter: “Le cose che ho letto (riferite a me) sono di gran lunga peggiori delle mie provocazioni, eppure non gli do peso. Sono felice della mia vita e non mi interessa il parere di un gruppo di avatar, giuro, a voi invece perché frega tanto della mia opinione?”. Per poi concludere: “Comunque a proposito di acqua e docce, visto che mi è stato consigliato un bagno di umiltà ora mi butto in piscina. Spero che l’invidia vi abbandoni e che troviate la retta via. Esiste solo la realtà. Il resto è nella vostra testa. Ciao amici”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA