Emma Bonino malore: si accascia a terra/ Video, come sta: “Solo un calo di pressione”

- Silvana Palazzo

Emma Bonino malore: si accascia a terra durante intervento ad Assemblea nazionale di +Europa. Video, come sta la senatrice: “Solo un calo di pressione”

emma_bonino_2_lapresse_2018
Emma Bonino, leader di + Europa (LaPresse)

Malore per Emma Bonino mentre interveniva nell’Assemblea nazionale di +Europa a Roma. La senatrice durante il suo intervento ha cominciato a faticare a parlare fino a interrompersi. Poi è inciampata e si è accasciata a terra. Subito è stata soccorsa dalla platea. Sono stati attimi di agitazione per i presenti, che poi hanno applaudito l’ex ministra degli Esteri quando è tornata a sedersi in prima fila. Non è stato necessario l’intervento di sanitari: Emma Bonino non si è recata in ospedale. E stando a quanto riportato da Repubblica, è tornata a casa per riposare e attendere la visita di un medico. L’ipotesi riguardo le cause del malore è che probabilmente è stato dovuto da un abbassamento di pressione. Fonti vicine a Emma Bonino hanno poi precisato che «non ha avuto alcun malore ma solo un calo di pressione che, complice l’altezza della pedana», l’ha fatta cadere. E assicurano che ora stia meglio.

EMMA BONINO MALORE: SI ACCASCIA A TERRA, MA STA BENE

Il video dell’assemblea di +Europa mostra la senatrice Emma Bonino mentre termina il suo intervento e si accascia rovinosamente scendendo dal palco. Grande lo spavento, ma poi la Bonino sarebbe rimasta a seguire altri interventi. Nel corso dell’Assemblea nazionale di +Europa a Roma, la senatrice aveva affrontato il tema Sea Watch. «Una vergogna d’Europa e d’Italia», aveva tagliato subito corto. Poi ha proseguito: «Non riesco a pensare che un continente di 500 milioni di abitanti assista senza colpo ferire a 42 profughi che da 10 giorni ciondolano di fronte a Lampedusa. Non riesco ad assuefarmi». Non mancano quindi gli attacchi al governo M5s-Lega per come sta gestendo la situazione. «Mentre questo avviene, esattamente come i narcotrafficanti con il proibizionismo, è stato già trovato un altro modo per farli sbarcare quatti quatti, senza scomodare né Salvini né Toninelli, che hanno altro da fare: la barca madre con i barchini figli».



© RIPRODUZIONE RISERVATA