Nuovi orizzonti di una scienza in divenire/ Competizione e cooperazione nell’evoluzione biologica

Un intervento al Simposio Nuovi orizzonti di una scienza in divenire (25-26 Ottobre 2018) presso il GSSI a L’Aquila su un tema attuale: competizione e cooperazione tra gli organismi marini

27.01.2019, agg. il 30.01.2019 alle 19:40 - Giorgio Bavestrello

Intervenendo al Simposio “Nuovi orizzonti di una scienza in divenire”, presso il Gran Sasso Science Institute (GSSI) a L’Aquila nella seconda giornata (26 ottobre 2018) Giorgio Bavestrello (Dipartimento di Scienze della Terra, dell’Ambiente e della Vita. Università degli Studi di Genova) ha sviluppato il tema della competizione e cooperazione nell’evoluzione biologica in riferimento, prevalentemente, agli organismi marini.

Nella sua trattazione l’autore ha esplicitamente ripreso e riorganizzato i contenuti di un articolo pubblicato in Emmeciquadro n. 29 – aprile 2007 dal titolo “Competizione e cooperazione”. Nelle storie vitali degli organismi marini nel quale il tema era declinato proprio a partire dalle storie vitali degli organismi marini. Un modo chiaro ed efficace di parlare di evoluzione e di biodiversità, che prende atto delle più recenti acquisizioni ottenute a seguito di prolungate campagne osservative, ad alcune delle quali l’autore ha direttamente partecipato.

Il percorso concettuale tracciato da Bavestrello e corredato da numerosi e significativi esempi, apre una interessante prospettiva anche per l’ecologia.

Ci mostra un mondo di rapporti cooperativi che si inseriscono nelle reti trofiche: i flussi di materia e di energia lungo queste reti rappresentano indubbiamente lo scheletro dei sistemi ecologici ma consentono solo in prima approssimazione di interpretare le relazioni tra gli organismi.

Tali reti vanno immaginate come intersecate da un’altra rete di relazioni «non trofiche», simbiotiche in senso generale, nelle quali la competizione e la cooperazione operano a diversi livelli; con un molteplice risultato: incrementano la biodiversità, permettono la convivenza tra diversi, producono novità evolutive, migliorano l’efficienza del funzionamento ecosistemico.

Nel suo intervento al Simposio l’autore si è avvalso del supporto di numerose e spettacolari immagini originali che si possono ritrovare nelle slide della presentazione disponibile, unitamente a quelle degli altri relatori, qui.

Vai al PDF dell’articolo sopra citato

Torna allo Speciale dedicato al Simposio

(A cura della Redazione Emmeciquadro)

© Rivista Emmeciquadro

© RIPRODUZIONE RISERVATA