ANTICIPAZIONI/ N° 54 – Settembre 2014 – Verso un Superuomo Tecnologico?

- Redazione Emmeciquadro

La modernità ha massicciamente rifiutato Dio. Ma, tale condizione umana libera da pregiudizi si è rivelata un’involuzione invece di cogliere l’occasione di un nuovo rapporto con il Creatore.

Copertina_n_54_nuova_ok
Parte centrale della Osuga Valles su Marte, ripresa nel Dicembre 2013 dalla sonda Mars Express dell'ESA

«Se esaminiamo l’enorme cultura che si è incarnata da duecento anni in oggetti e in conoscenze, in istituzioni e in confort, e se le paragoniamo ai progressi della cultura individuale in questo stesso tempo [….], una differenza spaventosa di crescita si mostra tra le due, e in diversi punti anche una regressione della cultura individuale sul piano della spiritualità, della delicatezza, dell’idealismo»

G. Simmel, Les grandes villes et la vie de l’esprit, Payot&Rivages, coll. Petite Bibliothèque Payot, 2013, pag. 67

La tecnoscienza ha la pretesa di liberare l’uomo da ogni dipendenza. Ma «con la modernità, si presumeva che gli uomini […] si emancipassero da tutte le tutele per accedere finalmente alla maturità […]. In particolare, la modernità ha massicciamente rifiutato Dio, interpretato come una proiezione da cui liberarsi per accedere finalmente all’età adulta, ma, la condizione umana superiore, che doveva giungere da un superamento della fede in Dio, si è rivelata piuttosto un’involuzione». [Oliver Rey, Trans-umanesimo: un’idea cristiana divenuta folle? – Colloquio accademico, Istituto Philanthropos, Friburgo (CH)]

Parte centrale dell’Osuga Valles su Marte, ripresa nel Dicembre 2013 dalla sonda Mars Express dell’ESA

La Rivista Emmeciquadro nasce dall’esperienza trentennale di Docenti di diverse Discipline Scientifiche e dal lavoro di seminari, corsi di aggiornamento, convegni, realizzato negli ultimi vent’anni nell’ambito dell’Associazione SEED (Scienza Educazione E Didattica).
È rivolta a docenti di tutte le discipline scientifiche e si propone come strumento di lavoro in grado di fornire suggerimenti didattici e itinerari di approfondimento guidato sui temi di ricerca più attuali.
È strutturata in sezioni che prevedono, in ogni numero:

  1. interventi di scienziati su temi fondamentali del dibattito scientifico
  2. rilettura dei nodi più significativi della storia della scienza
  3. riflessioni critiche sull’esperienza di insegnamento, anche attraverso il dialogo con i lettori
  4. recensioni di novità editoriali, saggi significativi, articoli comparsi su periodici, reprint di testi interessanti, traduzioni
  5. informazioni relative a notizie di tipo legislativo, a dibattiti e a convegni.

Per approfondimenti sulla genesi e le motivazioni della Rivista si consulti la pagina: “Una Rivista perchè e per chi

© Rivista Emmeciquadro

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori