Enrica Bonaccorti, le violenze e la perdita del figlio/ “Le perdite dopo l’annuncio in tv”

- Elisa Porcelluzzi

Enrica Bonaccorti è stata vittima di violenza durante la sua infanzia. La conduttrice ha perso il primo figlio dopo averlo annunciato in tv.

Enrica Bonaccorti
Enrica Bonaccorti (Web)

Enrica Bonaccorti nel 1973 è diventata mamma di Verdiana. Ma in una recente intervista a Verissimo, la conduttrice ha rivelato che nel 1986 ha perso un figlio, che aveva annunciato di aspettare durante una diretta televisiva. “Ero in trasmissione, pensavo di dirlo un minuto prima di lasciare la parola al Tg1. È stato uno scandalo terribile. Ne hanno parlato tutti i giornali, mi hanno accusato di fare uso privato della tv pubblica”, ha raccontato la Bonaccorti a Silvia Toffanin. Poi ha ricordato i terribili momenti: “Sono andata in camerino, mi sono tolta il vestito e ho notato delle perdite”. La conduttrice è stata subito portata in clinica dove restò per tre settimane, rientrata a casa poco dopo perse il bambino che aveva quasi quattro mesi. La conduttrice è anche dovuto fare il raschiamento: “Due infermiere non professionali mi hanno detto che il bimbo aveva la mia bocca, le spalle larghe”, ha confessato a Verissimo.

Enrica Bonaccorti: le molestie durante l’infanzia

Nella sua infanzia Erica Bonaccorti è stata vittima di violenza. La conduttrice ha rivelato questo retroscena amaro della sua vita in una puntata di “Storie italiane”, in cui si parlava di una ragazza abusata da un sacerdote. “A me è successo qualcosa di molto simile a quello che racconti, ne avevo 8 di anni, non si riesce a dirlo neanche alla persona più giusta che sarebbe la madre. Anche in quei momenti rimani bloccata, non riesci a fare nulla, sei congelata. E resti congelata anche nella mente“, ha raccontato la Bonaccorti. La conduttrice ha aggiunto di essere stata molestata da persone vicine alla sua famiglia: “Sono figlia di una cultura che all’epoca dava per scontate certe cose”. Enrica Bonaccorti ha aggiunto di aver avuto “esperienze negative” dagli 8 ai 19 anni ma di non esserne rimasta traumatizzata.



© RIPRODUZIONE RISERVATA