Enzo Biagi, 100 anni fa la nascita/ Suo primo programma d’inchiesta della tv italiana

- Emanuela Longo

Cento anni fa nasceva il giornalista Enzo Biagi, tra i più innovativi e popolari d’Italia: gli esordi ed i grandi successi in tv e non solo

enzo biagi facebook 640x300
Enzo Biagi

Cento anni fa esatti, il 9 agosto 1920, nasceva Lizzano In Belvedere – comune di duemila anime in provincia di Bologna – il grande giornalista Enzo Biagi. Considerato tra i più innovativi e popolari giornalisti nella storia del piccolo schermo nostrano, Biagi realizzò per il servizio pubblico oltre un centinaio di programmi nei quali raccontò la storia della nostra Italia. In settanta anni di carriera, per quaranta ha lavorato al servizio della Rai dove entrò come direttore del Telegiornale nel 1961. Con i suoi programmi Biagi rivoluzionò il linguaggio televisivo. In occasione di una data così importante, la Rai ha pensato ad una programmazione ad hoc per ricordare il giornalista, scomparso il 6 novembre 2007, a 100 anni dalla sua nascita. Anche su RaiPlay sono disponibili on demand tutte le puntate di RT Rotocalco Televisivo, primo programma di inchiesta della tv italiana. La trasmissione fu realizzata da Enzo Biagi nel 1962 e segnò il suo esordio alla conduzione in studio. La prima puntata fu considerata una pietra miliare del giornalismo televisivo poichè conteneva un reportage firmato dallo stesso giornalista sulla Berlino divisa dal muro e una delle prime inchieste Rai sulla mafia siciliana.

ENZO BIAGI, 100 ANNI FA LA NASCITA DEL GRANDE GIORNALISTA

L’esordio di Enzo Biagi nel mondo del giornalismo avvenne all’età di appena 17 anni con il primo articolo pubblicato nel 1937 da L’Avvenire d’Italia dal titolo “Marino Moretti è crepuscolare?”. Da quel momento iniziò la sua lunga carriera che dalla carta stampata si trasferì poi alla televisione non prima di aver diretto Epoca, Il Resto del Carlino, Novella, e scrivendo per Corriere della Sera, L’Europeo, La Stampa, Repubblica, Espresso, Oggi, Sorrisi e Canzoni. Biagi era in grado di passare con estrema disinvoltura da articoli sportivi narrando del Giro d’Italia alla cronaca rosa commentando il matrimonio della futura Regina d’Inghilterra. La sua carriera fu tuttavia ricchissima di successi professionali ma al tempo stesso anche di momenti dolorosi. Oggi, nel centenario della sua nascita, come riferisce RaiNews, Pianaccio, frazione di Lizzano in Belvedere che gli diede i natali e dove riposano le sue spoglie, inaugura una mostra fotografica a lui dedicata. Alle  ore 17.30 è in programma la presentazione del francobollo commemorativo emesso dal Ministero dello Sviluppo Economico, a cura di Poste  Italiane mentre alle 18 sarà inaugurata Via Enzo Biagi con lo  svelamento della targa dedicata proprio al grande giornalista.

© RIPRODUZIONE RISERVATA