Ernia/ “Superclassico è una canzone d’amore che si sviluppa e poi esplode” (X Factor)

- Emanuele Ambrosio

Ernia è tra gli ospiti del quinto live di X Factor: il rapper sarà sul palcoscenico con l’amico e collega Gué Pequeno per presentare “25 ore rmx”

ernia_instagram_2018
Ernia (Instagram)

Ernia è tra gli ospiti del quinto live di X Factor, il talent show musicale in onda su Sky Uno e Tv8. Il rapper, all’anagrafe Matteo Professione, sarà sul palcoscenico con l’amico e collega Gué Pequeno per presentare la collaborazione “25 ore rmx” che segue il grandissimo successo di “Superclassico”. Una estate da indiscusso protagonista per il 26enne rapper che si è ritrovato ai vertici delle classifiche digitali e non con il suo album “Gemelli” e con la super hit “Superclassico”. Un successo strepitoso che il rapper ha spiegato così durante una lunga intervista rilasciata a FQMagazine: “Superclassico’ ha funzionato perché si è distinto nel contenitore dell’estate che sembrava un villaggio turistico. Devo essere sincero: non me lo aspettavo. Sapevo che ‘Superclassico’ era un pezzo di punta, un singolo che poteva far bene ma non pensavo così tanto… Le mie canzoni in genere vengono apprezzate dopo un po’ di tempo, stavolta è andata diversamente”. Non solo, il rapper ha precisato: “è una canzone d’amore che si sviluppa e poi esplode. Le persone si sono riviste in questa storia. Si va un po’ al di là della canzone d’amore pop con il ‘mi piaci’, ‘ti amo’, ‘mi ami’. Qui parliamo di un sentimento che invece rimane sospeso”. Nel suo ultimo disco “Gemelli” affronta anche temi importanti parlando di apatia e di alcuni momenti davvero bui della sua vita.

Ernia: “non uso Instagram per filmare il culo alla ballerina”

“È la crisi dei 25enni che si chiede ‘cosa faccio dopo?’” – ha sottolineato il rapper Ernia a FQMagazine – “c’è una paura diffusa del futuro che verrà. Ci sono ragazzi che hanno problemi a staccarsi dal nucleo familiare e non solo per questioni economiche. Ci sono persone che davvero non sanno cosa fare e si appiattiscono nel nome della crisi. Io sento parlare ovunque di crisi da quando avevo 15 anni. Il mondo del lavoro precario, il futuro che sarà tutt’altro che roseo e diverso rispetto a quello che hanno avuto i nostri genitori. Quindi cosa succede? In molti si bruciano tutte le ‘prime volte’ della vita, senza godersele appieno e quando gli eventi della vita si ‘normalizzano’, ecco che arriva l’apatia e ci si appiattisce”. Ernia è un rapper controcorrente: nelle sue canzoni non parla di soldi come invece fanno quasi tutti i suoi colleghi. Una scelta che ha raccontato così: “abbiamo due pesi e due misure diversi. Ho una diversa percezione dei soldi: se guadagni mille euro e compri il collanone non vuol dire nulla, non li hai i soldi. Non sarà nemmeno avere un capo di Gucci né di Prada a darti uno status. Secondo me bisogna andare oltre l’immagine e il mostrarsi swag a tutti i costi”. Anche con i social ha un rapporto tutto particolare: “non uso Instagram per filmare il culo alla ballerina, non mi interessa. Di base comunico poco sul web a differenza di alcuni miei colleghi. Lo faccio solo per presentare i miei progetti, altre volte entro in contatto con la fanbase con qualche domanda e risposta su Instagram”. Infine parlando di una sua possibile partecipazione al Festival di Sanremo 2021 precisa: “non mi piace ricevere quel tipo di attenzione. Non è il mio pubblico e anche se vincessi non mi vorrebbero bene veramente. Il pubblico di Sanremo non mi capirebbe”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA