ITALIA-CINA/ Il vertice si pone l’obiettivo di 100 miliardi di dollari di interscambio in 5 anni

- La Redazione

Il vertice Italia-Cina si è proposto l’obiettivo di 100 miliardi di dollari di interscambio in 5 anni.

BerlusconiConferenza_R400
Berlusconi

Il vertice Italia-Cina si è proposto l’obiettivo di 100 miliardi di dollari di interscambio in 5 anni.

Tra gli 80 e 100 miliardi di dollari di interscambio in 5 anni: è l’ambizioso obiettivo che si sono posti, nel corso del vertice a Palazzo Madama, tra Italia e Cina, i rispettivi premier dei due Paesi, Silvio Berlusconi e Wen Jiabao. «La Cina rappresenta un mercato di enormi opportunità: lo è già oggi, e lo sarà sempre di più in futuro», ha dichiarato la presidente di Confindustria Emma Marcegaglia, che ha partecipato ai lavori della tavola rotonda. «C’è ancora molto da fare», ha sottolineato, ricordando come «la Cina rappresenta un mercato di enormi opportunità. È imprescindibile per qualsiasi strategia presente e futura dell’impresa italiana». Intanto, il premier cinese, che ha assicurato che concederà alle imprese straniere condizioni pari a quelle nazionali, ha auspicato «che le imprese italiane posano camminare in prima fila tra i paesi dell’Ue, anzi del mondo».

CLICCA >> QUI SOTTO PER IL VERTICE ITALIA-CINA

Il premier cinese si è mostrato decisamente ottimista circa il migliorarsi dei rapporti tra i due Paese: «Fino a questo momento – ha detto – si registrano investimenti italiani da 5 miliardi di dollari e seimila progetti di imprese, ma questi numeri sono ancora troppo poco e non corrispondono ai reali rapporti economici tra Italia e Cina». Secondo Wen Jiabao basta pensare al fatto che «gli investimenti Usa nel nostro Paese hanno superato i 60 miliardi di dollari e quelli europei nel loro complesso i 50 miliardi di dollari». E aggiunge: «la Cina considera l’introduzione di tecnologie e gli investimenti esteri come un punto chiave», «so che in questa sala sono presenti tanti Marco Polo di oggi». Berlusconi, dal canto suo, ha manifestato un «apprezzamento ammirato» per la politica internazionale cinese, elogiando il Paese per la sua «volontà di sedare tutti i contrasti e risolvere tutte le situazioni con grande saggezza e serietà».

 

Leggi anche: DIBATTITO/ 2. Ecco perché non credo all’ultima scommessa di Berlusconi

 

 

Leggi anche: RIFORME/ Antonini: oggi passa il federalismo, vi spiego cosa cambia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori