MALTEMPO/ Europa paralizzata da neve e gelo. La situazione in Italia

- La Redazione

L’Europa sotto la morsa del gelo. Caos nei traffici aerei e ferroviari

geloeuropa_R400

E’ emergenza gelo e neve in Europa, in particolare al nord. Il 50% dei treni che collega Londra a Parigi e Bruxelles è stato cancellato o lo sarà nelle prossime ore per il maltempo. Ieri i treni hanno accumulato circa 90 minuti di ritardo.

Chiusi parecchi aeroporti in Inghilterra (Gatwick e Edimburgo), in Francia (Lione) e in Svizzera (Ginevra). Problemi al traffico in Germania e Spagna, stanno per essere cancellati decine di voli da Francoforte, Monaco, Vienna, Praga, Lione. A Mosca la temperatura ha toccato i 23 gradi sottozero, è record, non si registrava una temperatura così dal 1931. Stesso freddo o quasi in Polonia dove alcune persone sono morte per il gelo.

A Bialystok il minimo europeo: 26 gradi sotto zero. Le previsioni annunciano freddo polare anche nei prossimi giorni. In Francia circa 7mila tir sono stati fermati per via delle strade gelate e impraticabili. Il caos e le cancellazioni dei voli all’aeroporto di Zurigo, il maggiore scalo elvetico, hanno bloccato diversi vip, fra i quali l’ex presidente Bill Clinton e il premier spagnolo Jose Luis Rodriguez Zapatero, che si erano recati al quartier generale della Fifa per sostenere le candidature dei propri paesi per i Mondiali di Calcio 2018 e 2022.

Nel sud Europa invece è allarme pioggia: circa 300 persone sono state evacuate dalle loro case nel nord del Montenegro, nella città di Berane. Nella vicina Albania è stato dichiarato lo stato d’emergenza nel distretto di Shkodra, a nord ovest della capitale. Problemi e disagi anche in Italia. All’Aquila e dintorni allagamenti ed esondazioni fiumi, evacuate circa 200 persone. Le previsioni dicono che nelle prossime ore ancora freddo e pioggia.

A L’Aquila diverse strade sono state chiuse e gli allagamenti hanno interessato anche le zone dove sono stati costruiti i nuovi alloggi. Maltempo in Basilicata dove è disperso un operaio. Allarme piena a Roma dove il Tevere si ingrossa sempre più e non riesce a scaricare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori