BELGIO/ Si dimette il primo ministro Leterme. Ancora conflitti tra fiamminghi e francofoni

- La Redazione

Dopo l’uscita dalla maggioranza del partito liberale fiammingo, il primo ministro del Beglio Yves Leterme, ha rassegnato le sue dimissioni

Leterme_YvesR375

BELGIO Si dimette il primo ministro Leterme – Dopo l’uscita dalla maggioranza del partito liberale fiammingo, il primo ministro del Beglio Yves Leterme, ha rassegnato le sue dimissioni al re Alberto.

Senza il partito liberale fiammingo (Vld), infatti, il governo gode di una maggioranza alla Camera bassa di 76 seggi su 150. L’uscita del Vld dalla maggioranza è stata ufficializzata questa mattina dal leader del partito Alexander De Croo. Le ragioni di questa scelta sono da ricercare nella mancata risoluzione delle querelle relativa alla ridefinizione dei diritti linguistici dei francofoni residenti nella periferia fiamminga di Bruxelles. Il governo belga è formato da cinque partiti, due fiamminghi e tre francofoni.

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SULLE DIMISSIONI DEL PRIMO MINISTRO BELGA CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO

Leterme ha preso a novembre il posto di Herman Van Rompuy, diventato presidente dell’Unione Europea e aveva già avuto il comando dell’esecutivo nel 2008 per nove mesi. Già nel 2007 i media del Belgio avevano prospettato, in caso di mancata soluzione delle diatribe fra fiamminghi e francofoni, la divisione del paese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori