YOUTUBE MAREA NERA/ Video – Louisiana, usano i capelli per assorbire il petrolio. La Bp: “Siamo senza idee. Aiutateci”

- La Redazione

La marea nera di petrolio fuoriuscito dalla piattaforma della British Petroleum al largo delle coste della Louisiana non si arresta

Petrolio_ContenimentoR375

La marea nera di petrolio fuoriuscito dalla piattaforma della British Petroleum al largo delle coste della Louisiana non si arresta. Anche i Black Hawk, gli elicotteri da guerra dell’esercito americano, stanno venendo utilizzati per arginare la marea nera. I Black Hawk stanno trasportando sacchi di sabbia per gettarli in mare, nella zona disastrata, al largo delle coste della Louisiana, in modo tale da creare una barriera tra la marea nera e le paludi della Louisiana. La marea nera di petrolio, intanto, continua a fuoriuscire inondando il Golfo del Messico con 5mila barili di petrolio al giorno.

Leggi anche: J’ACCUSE/ 1. British Petroleum inquina la Louisiana con i soldi degli ecologisti, di L. Santambrogio

La Bp è ormai senza idee e si rivolge ai cittadini chiedendo aiuto. «Chiunque ritiene di avere una buona idea per risolvere il problema, per favore ci scriva», comunica la società petrolifera texana. Dalla falla situata a 1500 metri di profondità, intanto, continuano a fuoriuscire 5mila barili di petrolio al giorno. Il che corrisponde a 750mila litri. Quanto, finora, si è riuscito a bruciare con gli incendi controllati, uno dei tanti metodi utilizzati per fermare la marea nera. Ha fallito, nel frattempo, il tentativo di bloccare la fuoriuscita con una gigantesca campana di cemento e acciaio da 78 tonnellate, che verrà, in ogni caso ripetuto con una campana più piccola. Tra le idee più bizzarre ma che, stranamente, potrebbero rivelarsi utili c’è quella di utilizzare balle di fieno per assorbire il petrolio, mentre altri vorrebbero tentare con capelli umani, in grado di trattenere il greggio ma non l’acqua. A quanto riferisce la Bbc, la Matter of Trust, un’associazione umanitaria, sta mobilitando barbieri e parrucchieri di tutto il mondo per recuperare quanti più capelli possibile. Da Usa, Spagna, Francia, Brasile, Canada e Australia più di 200mila chilogrammi di capelli arriverebbero ogni giorno in Louisiana. Thad Allen, poi, il comandante della Coast Guard americana, il National Incident Commander a cui il presidente Barack Obama ha affidato l’incarico di coordinare i tentativi di calmierare il disastro, ha proposto di pompare spazzatura plastica per ostruire la falla dalla quale fuoriesce il greggio. E’ la soluzione alla quale maggiormente i tecnici stanno lavorando.

Finora la Bp ha dovuto tirar fuori di tasca sua 350 milioni di dollari per le operazioni di contenimento della marea nera, ma il conto è destinato ad aumentare vertiginosamente e potrebbe ben presto arrivare ad un miliardo. Senza contare, inoltre, i risarcimenti chiesti dalle famiglie degli 11 operai morti nell’esplosione, dai pescatori della Louisiana danneggiati, e da diverse aziende rovinate o fortemente danneggiate. Si calcola che la Bpo potrebbe arrivare a dover sborsare anche 10 miliardi di dollari.

 

PER IL VIDEO DI YOUTUBE CON I CAPELLI UTILIZZATI PER ASSORBIRE IL PETROLIO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO
 

GUARDA IL VIDEO

 

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori