QUADRI RUBATI/ Il colpo da 500 milioni di euro al Museo d’Arte Moderna di Parigi. Tra i capolavori trafugati, un Picasso, un Matisse e un Modigliani

- La Redazione

Un ladro ha rubato dal muso d’arte moderna di Parigi 5 opere d’arte del valore di 500 milioni di euro

lapastorale-henrimatisseR375

Un ladro ha rubato dal muso d’arte moderna di Parigi 5 opere d’arte del valore di 500 milioni di euro. Le opere sono Donna con ventaglio di Modigliani, Le pigeon aux petits pois di Pablo Picasso, La pastorale di Henri Matisse, L’Olivier pres de l’Estaque di Georges Braque e Natura morta con candelabri di Fernand Léger

Leggi anche: ARTE/ Chagall, l’ebreo che ha incontrato Cristo nel “miracolo” del quotidiano, di G. Massone

Nel museo d’arte moderna di Parigi, sono stati rubati cinque capolavori per un valore complessivo di 500 milioni di euro. Si tratta di Donna con Ventaglio di Modigliani, Le pigeon aux petits pois di Pablo Picasso, La pastorale di Henri Matisse, L’Olivier pres de l’Estaque di Georges Braque e Natura morta con candelabri di Fernand Léger. Il furto è stato completamente ripreso dalle telecamere. Un uomo vestito di nero coperto da un passamontagna si sarebbe introdotto, poco dopo la chiusura, nel museo rompendo un vetro non collegato ad alcun allarme, segando un’inferriata e troncando un lucchetto con delle pinze. Poi, dopo essersi aggirato indisturbato per il museo, avrebbe trafugato i cinque quadri tagliando le tele per separarle dalla cornice con un taglierino adoperato con estrema perizia e delicatezza. Una volta impossessatosi delle tele le avrebbe arrotolate e infilate in un borsone che aveva a tracolla. Al che, se ne sarebbe andato via dal museo in tutta tranquillità.

 

Secondo il commissario delle esposizioni del Palais de Tokyo, Pierre Cornette de Saint-Cy, l’edificio all’interno del quale si trova il museo, il furto sarebbe privo di utilità: «È stupido rubare quadri così, si tratta di imbecilli e basta» ha detto. «Con quadri del genere non ci si può fare niente tutti sono già al corrente, i siti Internet sono già pieni di notizie e immagini. Nessuno può pensare di vendere questi quadri, per questo dico che è stupido rubarli. A meno che non si voglia fare un ricatto alle assicurazioni. Ma io sono convinto che li ritroveremo. Con quadri del genere è così, è successo con L’Urlo di Munch», ha concluso Cornette de Saint-Cy.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori