CRISTIANESIMO/ P. Samir, l’Islam ha un ruolo nel piano di salvezza: riaffermare la centralità di Dio nella vita del cristiano

- La Redazione

Per padre Samir Khalil Samir anche l’Islam ha un ruolo nel disegno di salvezza cristiano. Secondo Samir il ruolo dell’Islam nel cristianesimo, è quello di obbligare i cristiani a interpellarsi sulla centralità di Dio nella loro vita.

crocemezzalunaR375_26gen09

Per padre Samir Khalil Samir anche l’Islam ha un ruolo nel disegno di salvezza cristiano. Secondo Samir il ruolo dell’Islam nel cristianesimo, è quello di obbligare i cristiani a interpellarsi sulla centralità di Dio nella loro vita.

Leggi anche: IL CASO/ Marocco, la terra dove sempre più musulmani diventano cristiani

«Di fronte a una modernità che tende spesso a dimenticare quando non a rimuovere Dio dall’orizzonte degli uomini, il ruolo affidato all’Islam nel piano di Salvezza potrebbe essere quello di stimolarci a rimettere la fede al centro della vita»: lo ha dichiarato padre Samir Khalil Samir, relatore generale del Sinodo speciale per il Medio Oriente (che si terrà in ottobre in Vaticano), in una intervista concessa a Zenit. Secondo Samir, il problema che accomuna Cristianesimo e Islam è l’incapacità di «trasmettere la fede alla nuova generazione e alle generazioni a venire» e il suo tento è quello di «confrontare, raccogliere magari anche solo le difficoltà comuni e cercare insieme una risposta ad esse». Passando a parlare della scomparsa delle chiese in medioriente e della fuga dei cristiani da quelle terre, padre Samir si dice preoccupato: «se i cristiani se ne andranno dal Medio Oriente, in altri termini se i musulmani rimarranno tra di loro, allora mancherà un elemento di stimolo che è rappresentato proprio da quell’elemento di diversità che i cristiani possono apportare». I musulmani,infatti, secondo il Samir, ogni giorno pongono ai cristiani interrogativi del tipo «come mai voi dite che Dio è uno e trino? Questo è contraddittorio». Interrogativi, che, d’altro canto i cristiani pongono all’Islam: «E noi diciamo: “come mai dite che Maometto è un profeta? quali sono per voi i criteri della profezia? Maometto risponde a questi criteri? E che cosa significa che il Corano è di Dio? In che senso voi dite che è disceso su Maometto?”. Noi diciamo che la Bibbia è divina però mediata attraverso gli autori umani mentre i musulmani vogliono togliere la mediazione di Maometto» dichiara padre Samir.

Leggi anche: MEDIO ORIENTE/ Farouq: i cristiani ascoltino il Papa, noi musulmani abbiamo bisogno di loro, di W. Farouk


Per padre Samir, anche l’Islam ha un posto nel disegno di salvezza cristiano: «Credo che per noi cristiani – dice Samir – sia uno stimolante per riportarci al fondamento di tutto: Dio è l’Unico, la Realtà Ultima! Che è l’affermazione ebraica e cristiana fondamentale, ripresa dal Corano nella bella sura 112 : “Di’: Dio è l’Unico! Dio è l’Impenetrabile!” etc». Si tratta, secondo il religioso, di «un’affermazione che la vita moderna rischia di farci dimenticare. L’Islam ci ricorda che, se Cristo è il centro della fede cristiana, lo è sempre in rapporto al Padre; per rimanere nell’unicità, anche se il Corano non è riuscito a capire cosa fosse lo Spirito Santo».
 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori