INTERNET/ L’interruttore ammazza Internet: proposta di legge americana per bloccare l’accesso alla rete

- La Redazione

Proposta di legge americana per chiudere Internet in caso di gravi pericoli per la sicurezza nazionale

internet_R375

“Interruttore ammazza Internet”, in inglese “Internet kill switch”. E’ una proposta di legge del senatore Joe Lieberman per vietare l’accesso alla Rete in caso di “gravi minacce”. Fa parte del pacchetto di provvedimenti per la “protezione del cyberspazio come risorsa nazionale (Protecting Cyberspace as a National Asset Act) appena approvato dalla Commissione per la sicurezza nazionale e gli affari governativi del Senato”. A questo punto dovrebbe facilmente essere approvato anche dai deputati americani. Il senatore Lieberman è un indipendente, abbastanza vicino ai democratici ma in tema di politica estera sembra molto filo-repubblicano. Ovviamente si sono già scatenate le proteste contro quella che viene definita una lesione della libertà di navigare su Internet, anche se nel provvedimento si parla di “misure di emergenza a breve termine”.

In pratica, il presidente degli Stati Uniti potrà chiedere alle aziende del settore di staccare la spina che le collega alla Rete sospendendo le connessioni per un limite massimo di 120 giorni (oltre il quale è necessaria l’autorizzazione del Congresso). Sono interessati a questo disegno di legge i fornitori di connettività, i motori di ricerca, ma anche case produttrici di software e hardware in base alla discrezionalità del Dipartimento della Sicurezza nazionale. Immediata la protesta dell’ American Civil Liberties Union e il Center for Democracy & Technologies che ha chiesto al Senato degli Stati Uniti di chiarire i concetti di “infrastrutture critiche” e “misure d’emergenza”.

– Soprattutto spaventa il paragone che il senatore Lieberman ha fatto con la Cina, paese che in caso di pericolo di guerra “può disconnettere parti di Internet. Abbiamo bisogno di poter fare lo stesso” ha detto. Il paragone con la Cina non è piaciuto. Sta di fatto che negli Stati Uniti l’argomento è molto sentito: il direttore della CIA Leon Panetta ha definito la cyber-guerra “la minaccia più grave tra quelle a cui gli Usa non stanno prestando la dovuta attenzione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori