AL QAEDA/ Terroristi pachistani preparavano attacchi in Gran Bretagna, Francia e Germania

- La Redazione

Un gruppo di terroristi legati ad Al Qaeda, con base in Pakistan, stavano preparando degli attacchi in Gran Bretagna, Francia e Germania.

militari_afghanistanR375_3sett09

Un gruppo di terroristi legati ad Al Qaeda, con base in Pakistan, stavano preparando degli attacchi in Gran Bretagna, Francia e Germania.

Avevano in programma di compiere una serie di attentati in Gran Bretagna, Francia e Germania, con l’intenzione di replicare il massacro di Mumbai del 2008 quando 166 persone furono uccise dai terroristi pakistani di Lashkar-e-Taiba legati ad Al Qaeda. Ma le menti del complotto sono state eliminate. Lo ha riferito Sky News, emittente britannica, in base a informazioni avute dai servizi segreti inglesi, francesi e tedeschi. Secondo i quali la minaccia di attacco era «avanzata ma non imminente». L’intelligenze, tuttavia, da tempo aveva individuato gli organizzatori degli attentati, riuscendo a farli fuori per tempo. Si ignorerebbe se, invece, gli esecutori materiali abbiano messo piede in Europa.

CLICCA >> QUI SOTTO PER I DETTAGLI DELL’OPERAZIONE

Andrebbero letti in questa luce, ha riferito il responsabile degli esteri di Sky, Tim Marshall, gli attacchi missilistici effettuati dai droni americani in Waziristan, nel Pakistan: «diversi leader di Al Qaeda sono stati uccisi e questo è il motivo per cui la minaccia terroristica non si è concretizzata». Secondo l’emittente americana Abc, inoltre, tra gli obiettivi dei terroristi ci sarebbe stato anche il presidente Obama. Lo avrebbe rivelato un uomo di nazionalità tedesca legato ad ambienti terroristici. Imprigionato mentre tentava di giungere in Europa, nella base americana di Baghram in Afghanistan, avrebbe confessato sotto interrogatorio.

Leggi anche: SCIOPERO GENERALE SPAGNA/ E’ il primo sciopero generale dell’era Zapatero, i trasporti vanno in tilt

Leggi anche: YOUTUBE/ Video shock, la frana che ha sepolto un villaggio in Colombia. Oltre trenta morti



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori