BRASILE/ Un carro di Carnevale folgorato da un cavo dell’alta tensione. 16 morti

- La Redazione

Un carro di Carnevale, in Brasile, è stato folgorato da un cavo elettrico dell’alta tensione. Sarebbero almeno 16 i morti e una cinquantina  i feriti.

carrocarnevaleR400-1
Foto Ansa

Un carro di Carnevale, in Brasile, è stato folgorato da un cavo elettrico dell’alta tensione. Sarebbero almeno 16 i morti e 50 i feriti.

Sedici persone, almeno, hanno perso la vita e più di 50 sono rimaste ferite nel corso di una sfilata di Carnevale a Bandeira do Sul, in Brasile, nello stato del Minas Gerais, piccolo centro di 6.000. Un carro pieno di persone e amplificatori che stava percorrendo le strade del paese è stato colpito da un cavo dell’alta tensione che si è staccato a causa, probabilmente, di un fuoco artificiale.

«Qualcuno ha fatto partire un serpentina, un fuoco artificiale, che ha tagliato il cavo. Il cavo elettrico è caduto sul tir che era completamente affollato di gente. È stato il caos. Molte persone sono cadute dalla cima del camion. Chi tentava di togliere dalla corrente altre persone veniva folgorato», ha dichiarato Daniel de Oliveira, direttore del Carnaband, una manifestazione svoltasi prima del Carnevale che ha riunito nel paese più di 10 mila persone. «La luce – ha aggiunto –  è andata via immediatamente: è stato un orrore».

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

 

Il cavo di alta tensione ha scaricato settemila volta sul carro. Molti adolescenti che ballavano sul “trio elettrico” sono morti. Oltre 55 persone sono ricoverate negli ospedali della regione con ustioni di vario grado». Secondo Jose Balducci, uno dei responsabili sanitari locali:  «È stata una catastrofe. Sono rimaste coinvolte molte persone e non sappiamo con esattezza quante siano le vittime». Il Brasile si prepara ai grandi festeggiamenti del Carnevale, che devono cominciare nel fine settimana, ma numerosi carri percorrono tradizionalmente le vie del Paese nei giorni che precedono il periodo ufficiale della festa.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori