DISASTRO GIAPPONE/ L’isola di Honshu si è spostata di 2,4 metri

- La Redazione

Il devastante terremoto che ha colpito il Giappone, calcolato in una magnitudo di 9 gradi, passerà alla storia come uno dei più potenti e catastrofici di ogni tempo

map.japan_.honshu
L'isola di Honshu, quella colorata di viola

Il devastante terremoto che ha colpito il Giappone, calcolato in una magnitudo di 9 gradi, passerà alla storia come uno dei più potenti e catastrofici di ogni tempo. Anche per un paese come il Giappone abituato a convivere con continue scosse.

E’ stato calcolato infatti che il suo impatto è stato così forte da spostare l’asse terrestre di 10 centimetri. Non solo. Anche l’isola di Honshu, la maggiore di quelle che compongono l’arcipelago giapponese, la stessa dove sorge la capitale Tokyo, ha subito uno spostamento. Quasi due metri e mezzo, 2,4 per la precisione. Il calcolo è stato effettuato dall’Istituto Geologico americano. E’ stato Kenneth Hudnut, geofisico della U.S. Geological Survey (USGS) a comunicare il dato. Honshu ha una popolazione di oltre cento milioni di abitanti e qui sorgono tutte le maggiori città del Giappone: oltre a Tokyo infatti anche Osaka, Nagoya, Yokohama, Kobe e Hiroshima. A nord lo stretto di Tsugaru la separa dall’isola di Hokkaido, a est e a sud-est è bagnata dall’oceano Pacifico, a sud dal mare Interno, che la separa dalle isole di Shikoku e Kyushu, e a ovest è bagnata dal mar del Giappone.

L’isola si estende da nord-est a sud-ovest per 1290 km, ha una larghezza massima di 241 km e una superficie di 227.414 chilometri quadrati. Nell’isola sorge anche la più alta vetta del Giappone, il monte Fuji, 3776 metri. Il monte Asama, il vulcano più attivo del Giappone (l’ultima, violenta eruzione risale al 1965), che ha un’altitudine di 2542 m, è situato circa 140 km a nord-ovest di Tokyo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori