IRAQ/ Bomba esplode davanti a un Chiesa nel giorno di Pasqua, feriti

- La Redazione

Una esplosione nel cuore di Baghdad, in Iraq, proprio nel giorno di Pasqua. Una bomba è stata collocata davanti a una Chiesa ed è deflagrata provocando il ferimento di almeno quattro persone

iraq-attentato-r400
La scena di un attentato in Iraq (Ansa)

Una esplosione nel cuore di Baghdad, in Iraq, proprio nel giorno di Pasqua. Una bomba è stata collocata davanti a una Chiesa ed è deflagrata provocando il ferimento di almeno quattro persone nel giorno della più importante festività cristiana.E’ stato lo stesso ministero dell’interno iracheno a darne notizia, precisando che dei quattro feriti dall’esplosione della bomba due sarebbero civili, mentre i rimanenti due sono invece membri dei corpi di polizia irachena.La Chiesa innanzi la quale la bomba è esplosa si trova in un distretto centralissimo di Baghdad, di nome Karrada.La Chiesa è normalmente presidiata dai poliziotti che hanno proprio il compito di garantire la sicurezza della Chiesa del Sacro Cuore.L’esplosione è avvenuta proprio durante le celebrazioni della Pasqua e ha contribuito ad accrescere il clima di paura tra i cristiani nel Paese.Radio Vaticana ha contattato il vicario patriarcale caldeo di Baghdad, Mons. Shlemon Warduni per chiedere informazioni sulla situazione dei cristiani iracheni e sull’attentato. Ecco ciò che Warduni ha risposto

“Da una parte le cose stanno un po’ peggiorando per il numero dei cristiani che diminuisce sempre di più – ha dichiarato Warduni a Radio Vaticana –  Dall’altra parte ci sono ancora molti cristiani nel Paese e abbiamo pregato per avere speranza, per essere con Gesù, per vivere la gioia di poter offrire tutto a Lui per partecipare alla sua sofferenza per la salvezza di tutta l’umanità e così per arrivare, rinnovati attraverso la penitenza, alla Risurrezione del Signore”.

Warduni ha poi ricordato che “abbiamo la speranza che il Signore sia sempre con noi per poter vivere la sua Pasqua, per poter dire alla gente: guardate che Dio ama tutti ed è sempre con noi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori