BATTERIO KILLER/ L’Escherichia Coli colpisce in Francia: venduto alla Lidl l’hamburger contaminato

- La Redazione

In Francia sei bambini ricoverati in condizioni definite preoccupanti dopo aver mangiato degli hamburger. Sono stati colpiti dal batterio killer che imperversa in Germania

batterioR400
Il batterio, Foto Fotolia

Sei bambini in ospedale. E’ successo in Francia, quando i ragazzi dopo aver mangiato degli hamburger surgelati comprati nella catena di supermercati Lidl, nota anche in Italia, si sono sentiti male. Si tratta di una infezione alimentare legata al batterio escherichia coli, il famoso batterio killer che sta terrorizzando l’Europa da settimane. Le condizioni dei bambini vengono definite preoccupanti anche non c’è prognosi riservata, si trovano al policlinico di Lille, Francia del nord. Al momento è comunque tutto da verificare se l’infezione sia legata ai casi che si sono verificati in Germania, anche se il batterio sembra il medesimo. I bambini, tutti tra i 20 mesi e gli 8 anni, dopo aver mangiato gli hamburger sono stati colti da diarree con forti perdite di sangue. Gli  hamburger incriminati fanno parte della marca “Steaks country” distribuita nei supermercati Lidl. L’agenzia regionale per la salute francese dice che pur trattandosi di infezione da escherichia coli, non è al momento appurato alcun legame con quanto succede in Germania. Ricordiamo che il numero die morti è intanto salito a 38. Va anche detto che uno dei bambini ha lasciato l’ospedale già ieri sera.

Le confezioni di hamburger sotto accusa sono state immediatamente ritirate dal commercio. Lo stesso produttore, la società Seb, ha comunicato il ritiro di tutti i lotto di carne coinvolti. E’ intervenuta anche la catena Lidl-France che ha voluto assicurare sui controlli dei propri prodotti per la salute dei clienti. «La posizione di Lidl è chiara: per precauzione abbiamo ritirato dalla vendita la carne incriminata e abbiamo proceduto al ritiro dei prodotti con data di scadenza 10, 11 e 12 maggio 2012» dice un comunicato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori