11 SETTEMBRE/ 2. McGurn (WSJ): ecco quello che nessun attacco agli Usa potrà mai distruggere

- int. William McGurn

«Ho visto la prima torre crollare, o almeno la fine del suo crollo, e non sapevo cosa stavo vedendo perché non lo potevo immaginare». Parla WILLIAM McGURN, tra i più noti giornalisti Usa

ground_zero-flagR375
Ground Zero, dopo la strage (Immmagine d'archivio)

«Ho visto la prima torre crollare, o almeno la fine del suo crollo, e non sapevo cosa stavo vedendo perché non lo potevo immaginare». La sfida culturale? L’occidente ha vinto, perché è ancora basato sull’idea di libertà: «sulla nostra concezione dell’uomo come un individuo progettato dal suo Creatore per essere libero». Una libertà che gli Usa non devono rinunciare a difendere. Un nuovo isolazionismo americano? «Sì, è un nostro rischio. Che non deve metterci però in imbarazzo: siamo ancora una forza capace di fare il bene nel mondo». L’11 settembre visto da William McGurn, giornalista del Wall Street Journal ed esperto di comunicazione. È stato anche a capo del pool che scriveva i discorsi presidenziali durante la presidenza di George W. Bush. Con Ilsussidiario.net ha fatto un bilancio del «suo» 11 settembre.

L’11 Settembre 2001 lei era vicino al World Trade Center. Cosa si ricorda di quel giorno e cosa ha pensato?

Ero in treno per New York quando sono successi gli attentati. Sul fiume Hudson i traghetti sono stati fermati, ma non sapevo perché. Paradossalmente, le persone che guardavano il telegiornale in Idaho, o Tokyo o Roma sapevano più di me – e io ero proprio sull’altro lato del fiume che guardavo il fumo. Ricordo alcune cose soprattutto. Ho visto la prima torre crollare, o almeno la fine del suo crollo, e non sapevo cosa stavo vedendo perché non lo potevo immaginare. Quando siamo saliti sui treni per tornare da New York, mi ricordo che qualcuno diceva: «La seconda torre è giù» – e ho pensato, questo deve essere ciò che provò Agostino quando venne a sapere del sacco di Roma. Più tardi, quella sera, quando stavo tornando dal lavoro dopo aver lasciato il Wall Street Journal, sono passato davanti alla casa di un vicino di cui non si avevano notizie. Tutte le luci erano accese in quella casa violata, e in seguito abbiamo scoperto che era tra quelli che erano i morti.

L’11 settembre non è stato solamente un attentato militare, ma anche «culturale». Cosa può e cosa deve porre l’Occidente come un’alternativa positiva al nichilismo dei terroristi?

Tutta la concezione dell’Occidente è un’alternativa positiva. L’idea di libertà umana è basata sulla nostra concezione dell’uomo come un individuo progettato dal suo Creatore per essere libero.

Gli attentati dell’11 settembre erano una sfida all’idea americana di tolleranza religiosa. Quali sono i modi giusti e sbagliati di applicare questa tolleranza?

Gli Stati Uniti non sono in effetti basati sulla tolleranza religiosa. Sono basati su qualcosa di più fondamentale: la libertà religiosa, che è stata fin dall’inizio nel dna dell’America. Il libero esercizio della religione è fondamentale per la nostra libertà. La nostra tolleranza è stata dimostrata dalla nostra risposta all’11 settembre. I musulmani non sono stati perseguitati. Il presidente degli Stati Uniti ha visitato una moschea poche settimane dopo l’attentato. Pochi musulmani sono stati attaccati nella scia della più grande atrocità avvenuta sul suolo americano. Ci sono pochi paesi – anche in Europa e in Medio Oriente – che possono vantare questo.

Nel 2011, molti paesi arabi chiedono la democrazia. Ritiene che questo sia una sconfitta significativa per il terrorismo islamico o no, e perché?

Sì. Ricordiamo che la democrazia è il veicolo per la responsabilità e la libertà. Anche se la gente non comprende appieno quello che ciò comporta, non significa che il loro desiderio non è corretto. Dobbiamo ricordare che la primavera araba è cominciata quando un poliziotto ha sputato su un venditore di verdure. La persone di questi paesi potrebbero non conoscere i dettagli di Locke e Jefferson, ma tutti loro sanno come ci si sente quando si ricevono gli sputi.

Molti musulmani criticano le democrazie dell’Occidente che spesso accettano l’aborto, il matrimonio gay e l’eutanasia. C’è  bisogno che anche l’occidente cambi, invece di stigmatizzare solamente la mancanza di libertà nel mondo arabo?

Un vecchio cliché dice che la libertà porta con se molte responsabilità. Nessuna società sulla terra è perfetta. La società libera ha la capacità di correggersi. Questa è la responsabilità che la libertà dà ai cittadini. È verissimo che in democrazia ognuno ha il governo che si merita.

L’ex-presidente George W. Bush ha paventato il rischio di un nuovo isolazionismo americano. È un rischio reale?

È un rischio reale. In un certo senso, nasce dalla sana tradizione americana: non siamo una potenza che vuole territorio, e siamo più che disposti a lasciare che gli altri facciano come meglio credono. Nel passato abbiamo potuto trarre conforto dalla nostra geografia, dal fatto cioè che due grandi oceani ci proteggevano in gran parte dagli attacchi. Il terrorismo ha cambiato tutto. La realtà oggi è che ci sono delle persone che sono legate a una diversa visione della vita e sono disposte a uccidere degli innocenti per metterla in pratica. Stati Uniti deboli e non disposti a esercitare la loro forza per il bene incoraggerebbero solo i terroristi. Basta leggere le loro dichiarazioni per rendersi conto che Bin Laden ei suoi seguaci stavano costantemente assicurando i loro compagni terroristi che l’America non aveva la capacità di resistenza per combatterli.

Cosa dovrebbe fare Obama per dare più forza alla politica estera degli Stati Uniti nel Medio Oriente dopo il peggioramento dei rapporti fra Israele e Turchia, entrambi alleati degli Stati Uniti nell’area?

Cominciamo dalla cosa peggiore. Io credo che il mondo sia un posto molto più pericoloso quando gli Usa sono incerti. Per esempio, In Iraq, uno dei problemi più grandi era convincere i cittadini comuni che gli Stati Uniti li avrebbero aiutati fino alla fine. Ho sempre pensato che se fossi stato un iracheno nella mia posizione – un uomo sposato con tre figli – avrei cercato di vedere chi è il probabile vincitore prima di fare una scelta di campo… Sanno che i loro nemici sono vicini e l’America è lontana. La cosa più importante è che la politica estera americana non sia in imbarazzo, e capisca che l’America è una forza capace di fare il bene nel mondo. Questo è qualcosa che molte élites – tra cui le élites di alcuni dei nostri alleati in Europa – non riescono ad accettare.

(Pietro Vernizzi)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori