EGITTO/ Mikawy (giudice): le nostre proposte a Morsi per evitare la dittatura

- int. Hossam Mikawy

Per HOSSAM MIKAWY, i decreti di Morsi sono inaccettabili in quanto possono portare a una dittatura. Noi magistrati non ci piegheremo, ma siamo pronti a dialogare per il bene del Paese

egitto-cairo-proteste-contro-morsi-decreti-corte-costituzionale
Immagine d'archivio

“Continuerò a scioperare contro il predente Mohamed Morsi fino a quando ritirerà i suoi decreti, che sono inaccettabili in quanto possono portare a una dittatura”. Sono le parole di Hossam Mikawy, presidente del Tribunale Cairo Sud, nel quinto giorno di manifestazioni al Cairo che ieri hanno provocato una nuova vittima soffocata dai lacrimogeni della polizia. Per Mikawy, “noi magistrati non ci piegheremo, ma siamo pronti a dialogare affinché in Egitto ritorni la fiducia tra le istituzioni. Morsi ha espresso dei timori in quanto ritiene che la Corte costituzionale nominata da Mubarak potrebbe bloccare l’intera attività legislativa invalidando tutte le norme. Pur non condividendo l’operato del presidente comprendiamo le sue preoccupazioni, e nei giorni scorsi abbiamo presentato una proposta per soddisfare sia le esigenze del governo sia la necessità di una magistratura indipendente”.

Giudice Mikawy, per quale motivo l’Egitto è sceso in piazza per il quinto giorno consecutivo?

Ieri si è tenuta una marcia di protesta vicino a piazza Tahrir e in molte altre piazze in risposta ai decreti di Morsi. Noi giudici abbiamo deciso di affrontare il presidente scioperando e chiudendo i tribunali. L’ultimo decreto di Morsi afferma che nessun tribunale e nessun magistrato può appellarsi contro le sue decisioni e le sue leggi. E’ un modo di proteggere tutte le norme create da lui nei confronti di possibili azioni del sistema giudiziario. Noi la consideriamo una sorta di dittatura di tipo legale, e quindi ieri tutti i tribunali in Egitto sono rimasti chiusi, perché riteniamo che tutto ciò vada contro la legge del Paese. Continueremo a scioperare fino a quando Morsi cancellerà il suo decreto.

Abdel Meguid Mahmoud, il procuratore rimosso da Morsi, era stato nominato da Mubarak. Non è un bene per il Paese che sia stato sostituito?

Noi magistrati non abbiamo difeso Abdel Meguid Mahmoud, ma l’indipendenza del sistema giudiziario. Non stiamo scioperando quindi nel nome di un procuratore nominato da Mubarak, e vogliamo che sia tutelato il suo ruolo, non la sua figura. Se l’obiettivo è quello di creare un nuovo Egitto democratico, Morsi deve rispettare la legge e il potere giudiziario. L’indipendenza delle sentenze dei tribunali è la sola garanzia per il popolo egiziano che chiede libertà. Non vogliamo che Morsi utilizzi i magistrati per finalità politiche. L’Assemblea del Popolo (il Parlamento egiziano, Ndr) è stata dichiarata invalida, e dunque Morsi potrà emanare qualsiasi legge fino alle prossime elezioni politiche. E’ il motivo per il quale temiamo che si instauri una dittatura per via legale.

Che cosa accadrà ora?

La paura di Morsi è che la Corte costituzionale cancelli tutti i suoi decreti e le sue leggi, proprio in quanto i membri della Consulta egiziana sono stati nominati da Mubarak. Secondo il presidente della Repubblica, possono distruggere l’intero assetto normativo del Paese. Il vero problema è che Morsi non si fida dei massimi organismi giudiziari e la gente non si fida delle decisioni del presidente. E’ questa sfiducia la vera ragione che sta dietro ai decreti di Morsi, che sono inaccettabili perché possono portare a una dittatura. Occorre un compromesso in grado di accontentare sia i sostenitori di Morsi sia i suoi oppositori.

 

Gli egiziani hanno bisogno di ritrovare la fiducia reciproca. In che modo è possibile che ciò avvenga?

 

Noi giudici abbiamo spiegato a Morsi che esistono diverse possibili soluzioni rispettose della legge. La strada seguita dal presidente è molto pericolosa per tutti gli egiziani, in quanto l’opinione pubblica è fortemente divisa. Da un lato c’è chi lo appoggia e crede a che tutte le sue decisioni siano positive, dall’altra in molti stanno protestando. Abbiamo quindi bisogno di un compromesso legale per proteggere Morsi, gli egiziani e la stessa magistratura.

 

Quali sono le vostre proposte?

 

Noi giudici abbiamo proposto al presidente di creare un nuovo organismo composto da 21 giudici provenenti dalla Corte di cassazione, dal tribunale amministrativo e dalla stessa Corte costituzionale, i quali si esprimano su tutti i problemi di legittimità relativi alle nuove norme. E’ questa la vera soluzione, abbiamo bisogno di individuare una formula rispettosa della legge perché se ciò non avvenisse nel prossimo futuro la situazione del Paese diventerà esplosiva.

 

Quindi a Morsi stesso conviene ascoltare le vostre proposte?

 

Occorre una magistratura realmente indipendente, e il metodo migliore perché ciò avvenga è appunto la creazione di una nuova corte suprema, che abbia le caratteristiche che ho descritto. Il nuovo organismo si occuperà dei contenziosi che attualmente sono risolti dalla Corte costituzionale, e di qualsiasi problema che si presenti nel prossimo futuro fino a quando avremo una Costituzione.

 

(Pietro Vernizzi)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori