PUTIN/ Gruppi gay aggressivi, la Russia difenda i valori morali tradizionali

- La Redazione

Il presidente russo è tornato ad ammonire il suo popolo sottolineando la necessità che vadano difesi i valori morali tradizionali contro quelli dei paesi occidentali. I grupèpi gay

putin_rosso_zoomR439
Vladimir Putin (Infophoto)

Il presidente russo, dopo il discorso di fine anno in cui aveva definito la Russia paese difensore dei valori tradizionali, e cioè contraria all’omosessualità, è tornato sul medesimo argomento. Senza dirlo in modo esplicito, ma il significato era chiaro, ha parlato del pericolo dell’aggressività portata avanti da gruppi sociali che impongono il loro punto di vista alle altre persone e a pasei interi. Ha dunque definito nuovamente la Russia paese che deve essere impegnato nel difendere i valori morali tradizionali e “difendersi dal comportamento abbastanza aggressivo di certi gruppi sociali che impongono il loro punto di vista ad altre persone ed altri Paesi”. Non voglio criticare i valori occidentali, ha spiegato, ma difendere invece il popolo russo da “certi pseudo-valori che i nostri cittadini fanno fatica spesso ad accettare”. Proprio in queste ore Putin ha dovuto subire la sfida del presidente americano Obama che ha scelto come rappresentanti della squadra americana alle olimpiadi russe proprio due omosessuali. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori