SOLDATO UCCISO COL MACHETE/ Pabst (Uk): è il fallimento del modello inglese

Per ADRIAN PABST, la vera causa del delitto di Londra è il collassare del tessuto sociale del Regno Unito per il fallimento del modello di multiculturalismo e politiche sull’immigrazione

24.05.2013 - int. Adrian Pabst
islam_preghiera_corano
Infophoto

“L’uccisione del soldato inglese a colpi di mannaia non è stato né un attacco terroristico né l’azione individuale di due psicopatici. La sua vera causa è il collassare del tessuto sociale del Regno Unito per il totale fallimento del modello di multiculturalismo e delle politiche sull’immigrazione”. Ad affermarlo è Adrian Pabst, professore dell’University of Kent, che commenta così il sanguinoso omicidio avvenuto a Londra. Intanto dalle indagini emerge che i due assassini provenivano da famiglie cristiane e in seguito si erano convertiti alla religione islamica. Uno di loro, Michael Olumide Adebolajo, era nato nel 1984 in Gran Bretagna, dove aveva studiato e giocava a calcio. Da una decina di giorni si sarebbe convertito alla jihad cambiando il suo nome in Mujaahid.

Ritiene che si sia trattato di un attacco terroristico o dell’azione individuale di due personalità disturbate?

Sono convinto che non si sia trattato né dell’una né dell’altra cosa. Abbiamo bisogno di conoscere il contesto, e soprattutto la situazione urbana in cui è avvenuto il delitto. Nell’agosto 2012 si è verificata una serie di insurrezioni a Londra e in altre città britanniche. L’uccisione del soldato è più la conseguenza del collassare della coesione sociale in numerose parti di Londra, del Regno Unito ma temo anche di numerosi altri Paesi europei.

In che senso?

In questo contesto di frammentazione sociale diverse persone abbracciano idee più fondamentaliste, fino al punto di attaccare un soldato dell’Esercito britannico, perché è visto come parte della guerra occidentale contro l’islam. Il fondamentalismo non è però l’unica forza trainante, bensì soltanto uno dei fattori in campo. Ritengo che la stessa frase “Allahu Akbar” sia più che altro uno slogan per esprimere disaffezione, e non l’espressione di due affiliati a un’organizzazione dedita sistematicamente al terrorismo.

Che cosa sta cambiando a Londra dal punto di vista sociale per portare a eventi drammatici come quello di mercoledì?

Quando sta avvenendo è il risultato di 20-30 anni di politiche disastrose per quanto riguarda l’immigrazione, l’economia e le culture. L’austerità e i tagli di bilancio giocano un ruolo, ma le questioni fondamentali sono l’immigrazione di massa e l’integrazione. Si è voluto costruire il multiculturalismo senza forti legami sociali, basandolo su tante differenti comunità che vivono l’una separata dalle altre.

Che cosa c’è alla base di questa idea sbagliata di multiculturalismo?

Il Regno Unito è diverso da altri Paesi europei perché non ha mai avuto un’ideologia razziale. L’eredità dell’imperialismo britannico ha fatto sì che le minoranze religiose ed etniche sono state da sempre parte dell’identità nazionale. Il problema è che questa tolleranza spesso può trasformarsi in un impegno insufficiente, non riuscendo così a comunicare alle minoranze un forte senso dell’identità civile. Troppi politici negli ultimi 35 anni hanno parlato soltanto di diritti individuali e convenienza economica. Abbiamo bisogno di ravvivare una cultura civile che deve vedere al centro delle vere pratiche sociali e degli autentici legami culturali.

 

Che cosa ne pensa della posizione su questo tema di conservatori e laburisti?

I governi conservatori hanno sfidato il multiculturalismo, ma non sono stati in grado di proporre un’alternativa. Il partito laburista si è al contrario basato sull’approccio chiamato “one nation”, basato sul fatto di trasmettere a tutti l’idea di appartenere a un’unica nazione e cultura, anche se si tratta di un progetto che va ancora concretizzato.

 

In che modo?

In primo luogo va data una risposta a problemi come la mancanza di crescita, l’elevata disoccupazione e le disuguaglianze. Inoltre per lungo tempo il Partito laburista è stato eccessivamente laicista per non dire antireligioso, mentre oggi molti al suo interno sono aperti alla religione e riconoscono quanto fanno di buono le comunità religiose. Il direttore della Labour Policy Review, Jon Cruddas, è un cattolico molto consapevole dell’importanza del ruolo sociale della religione nel costruire fiducia e cooperazione tra le diverse comunità. Il compito del Partito laburista è in definitiva quello di cogliere queste due sfide, quella economica e quella religiosa, per rafforzare la coesione nazionale.

 

Che cosa ne pensa invece del fatto che i due uccisori del soldato sono degli ex cristiani convertiti all’islam?

Questo elemento pone dei gravi interrogativi sul processo di educazione e su alcune delle idee insegnate in certe madrasse (le scuole islamiche, ndr). Domande altrettanto importanti sorgono per quanto riguarda le modalità in cui avvengono la conversione e l’educazione di nuovi credenti all’islam. D’altra parte, continuo a rimanere dell’idea che la forza trainante di questo delitto non sia stato il fondamentalismo islamico, in quanto non si è trattato di un attacco organizzato ed orchestrato, ma di un conflitto più casuale. Il contesto delle periferie di Londra è tale da favorire il fatto che determinate persone abbraccino un’ideologia radicale. Da questo punto di vista i pericoli sono enormi, ma non per questo bisogna pensare che dietro l’uccisione del soldato ci siano affiliati di Al Qaeda o di un altro network organizzato.

 

(Pietro Vernizzi)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori