EBOLA/ Le sei suore-eroine che assistevano i malati in Congo

- La Redazione

Mentre si aggrava l’epidemia di Ebola in Africa Occidentale, sono tantissimi i volontari e medici che in queste ore stanno rischiando la vita per assistere i malati.

africa_bambini_R439
Immagine di archivio

Mentre si aggrava l’epidemia di Ebola in Africa Occidentale, raggiungendo cifre sempre più allarmanti per numero di casi ed estensione territoriale (l’Oms ha parlato di 887 morti e oltre 1.600 contagi), sono tantissimi i volontari e medici che in queste ore stanno rischiando la vita per combattere una guerra contro un virus di cui al momento non esistono né vaccini né cure. Qualcuno di loro è morto, come le sei missionarie delle Poverelle di Bergamo per le quali si è chiuso nel gennaio scorso il processo diocesano di beatificazione. A raccontare la loro storia è stato Giulio Albanese in un articolo pubblicato nel 2005 su “Avvenire”: le sei suore hanno affrontato la devastante epidemia del 1995, la più vasta mai registrata in Congo dove solamente a Kikwit, città della provincia di Bandundu, persero la vita 245 persone. Le sei religiose (Suor Floralba Rondi, Suor Clarangela Ghilardi, Suor Danielangela Sorti, Suor Dinarosa Belle, Suor Annelvira Ossoli e Suor Vitarosa Zorza) vennero colpite dalla febbre emorragica. La prima ad essere contagiata e a morire fu Suor Floralba, ma in breve tempo persero la vita anche tutte le altre. Vitarosa Zorza, l’ultima ad essere contagiata, si spense il 28 maggio.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori