ARABIA SAUDITA/ Si dichiara ateo: condannato a 10 anni di carcere e 2000 frustate per “terrorismo”

- La Redazione

Nuovo caso di persona condannata a molti anni di carcere e alla punizione fisica per essersi dichiarato ateo in Arabia Saudita, il paese più intollerante al mondo

Islam-preghiera_R439
Musulmani in preghiera (Foto dal web)

Da due anni, in Arabia Saudita la già durissima legge contro chi non si dichiara fedele musulmano è stata inasprita con un emendamento assurdo: dichiararsi ateo secondo le nuove disposizioni significa automaticamente essere un terrorista. Questo perché nella logica dittatoriale del paese, l’ateismo porta a instabilità sociale e a rischio di rivolte contro l’ordine costituito. Un giovane di 28 anni di cui non si conosce l’identità, secondo quanto pubblica oggi il quotidiano inglese The Sun è stato condannato a dieci anni di carcere e 2mila frustate perché sono stati scoperti circa 600 post a sua firma su twitter in cui difendeva la sua libertà di dichiararsi non credente. Secondo la polizia religiosa saudita, i post dell’uomo accusano tutti i profeti di menzogne, ironizzano su alcuni versetti del Corano e sostengono che la religione incita alla violenza, negando infine l’esistenza di Dio. Oltre al carcere e alla punizione fisica è stato condannato a pagare l’equivalente di circa 4mila sterline. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori