BOY SCOUT/ Stati Uniti, dopo i gay iscrizione anche per i transgender

- La Redazione

Ammessi nei boy scout americani anche i transgender, la nuova svolta dopo l’ammissione dei ragazzi e degli educatori omosessuali, ecco di cosa si tratta in questa notizia

boy-scouts-gay_R439
Immagine dal web

Il certificato di nascita non sarà più il metodo con cui decidere se ammettere o no un ragazzo nei boy scout. L’associazione americana dell’organizzazione mondiale apre all’ingresso die transgender, chi intende iscriversi deve solo dichiarare il sesso a cui sente di appartenere al momento stesso dell’iscrizione, non quello che appare ancora sul certificato di nascita. In un apposito comunicato Boy Scout of America dichiara: “Per più di 100 anni i Boy Scout of America, come le scuole e le altre organizzazioni giovanili, si sono affidati alle informazioni contenute nel certificato di nascita per determinare l’idoneità ai programmi maschili o femminili. Questo approccio però non è più sufficiente con le leggi degli stati che interpretano l’identità di genere in modo differente”. Adeguamento dunque alla legge che ormai riconosce il cambio di sesso in America. Lo scorso anno aveva fatto scalpore la notizia che un ragazzo trans di 8 anni era stato espulso dall’organizzazione. Nel 2013 l’organizzazione aveva già abolito il divieto di iscrizione ai gay e nel 2015 è stato abolito il divieto agli educatori omosessuali di far parte dei boy scout.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori