Cecenia, campi di concentramento per omosessuali/ La comunità Lgbt attacca Putin: “Ue intervenga subito”

- La Redazione

In Cecenia, dove vige una dittatura islamica alleata con Mosca, gli omosessuali vengono imprigionati o obbligati a lasciare il paese: aperti dei campi di concentramento

vladimir_putin_russia_mosca_comizio_lapresse_2017
Vladimir Putin (Lapresse)

Sono gravissime le accuse che la comunità Lgbt e molte associazioni e ong gay in Russia compiono contro il governo della Cecenia (alleato di Putin a livello governativo): campi di rieducazione per persone con orientamento omosessuale, torture e prigioni segrete, un trattamento degno dei soprusi nazisti o comunisti negli anni bui del Novecento. Queste accuse hanno fatto il giro del mondo e sono arrivate fino all’Italia. L’associazione radicale “Certi diritti” ha inviato una lettera urgente a Federica Mogherini e Angelino Alfano, sollecitando l’intervento del governo per questa grave emergenza umanitaria: «Non accennano a fermarsi le notizie che provengono dai media russi di opposizione che sono riusciti ormai a localizzare vere e propri campi di prigionia destinati agli omosessuali», scrive la nota urgente dell’associazione pro-lgbt che poi prosegue, «dove uomini e ragazzi sequestrati dai corpi paramilitari subiscono sevizie di ogni tipo. Si parla di oltre 100 persone deportate dalla fine di febbraio e di almeno 3 morti». Dalla Russia intanto la direttrice di Human Rights Watch, Tanya Lokshina, denuncia assenza di reazioni da parte del Cremlino di Putin: «il portavoce Dmitry Peskov si è limitato a invitare le vittime a usare i canali ufficiali per denunciare le autorità. Il portavoce del presidente ceceno Ramzan Kadyrov ha sottolineato che in Cecenia non ci sono omosessuali», si legge nel comunicato diffuso da Repubblica questa mattina. (agg. di Niccolò Magnani)

La piccola repubblica di Cecenia, al centro di un sanguinoso conflitto durato anni tra indipendentisti e esercito di Mosca, risoltosi in un bagno di sangue a favore del governo russo, torna alla ribalta con una notizia shock, resa nota da un giornale investigativo russo, la Novoya Gazeta. In Cecenia sarebbe stato aperto quello che è il primo campo di concentramento esclusivamente per omosessuali dai tempi del nazismo. Vi sarebbero detenuti circa 100 gay, tre dei quali sono stati uccisi. Agli omosessuali infatti non viene lasciato scampo: o accettano di lasciare il paese o vengono uccisi. Sarebbero anche più di uno sempre secondo il giornale, uno dei quali nell’ex quartiere generale militare della città di Argun. Un prigioniero che è riuscito a evadere ha raccontato di come vengano brutalmente picchiati per ottenere i nomi di altri omosessuali. Un altro evaso ha detto che era obbligato a pagare forti somme di denaro alla polizia per non essere arrestato. Amnesty International si è mossa chiedendo alle autorità russe di indagare se tutto quanto si dice sia reale e di intervenire contro la brutalità del regime ceceno, il cui presidente Razman Kadyrov è uno alleato stretto di Putin e ha introdotto in Cecenia la legge islamica. Ha negato ogni accusa con la scusa più patetica: “Non si possono arrestare persone che non esistono” negando cioè che in Cecenia ci siano degli omosessuali. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori