CREMAZIONE LIQUIDA/ California, cadaveri riciclati per combattere cambiamenti climatici

- La Redazione

In California si discute un progetto di legge che dalla classica cremazione tramite combustione, considerata inquinante, si potrà passare a quella liquida che invece è ecologica

ceneri_pixabay
Ceneri di un defunto gettate in un lago

Avete presente Matrix, il film di enorme successo con Keanu Reeves? Quello dove le macchine, dopo aver preso il controllo della Terra e sconfitto gli umani, producono energie estraendo un liquido dai feti? Ecco, una cosa simile, anche se all’incontrario, si sta esaminando da parte delle autorità californiane, per farne una eventuale legge. Il concetto questa volta si basa sull’utilizzazione dei cadaveri, almeno di coloro che scelgono di propria volontà la cremazione (si spera sia lasciata la scelta se essere cremati o no…). Si chiama bio cremazione o cremazione green, che fa tanto ambientalista. Invece di bruciare i corpi procedimento che produce gas dannosi al nostro clima danneggiato, i cadaveri vengono inseriti in un bagno chimico caldo da cui si produce una soluzione ecologica che si smaltisce attraverso il tubo di scarico. Non proprio un procedimento dignitoso, verrebbe da dire…

Con questo processo, dicono gli esperti, non si produce cenere inquinante e si utilizza pochissima energia, dunque non si produce carbonio inquinante. I metalli presenti nel corpo poi possono essere riciclati, invece che produrre sostanze tossiche come il mercurio che finiscono tramite la combustione anch’esse nell’atmosfera. Attenzione: le ossa rimangono intatte e potranno essere polverizzate in modo naturalmente ecologico anch’esse in modo che la famiglia abbia le sue care ceneri da conservare. Il procedimento potrebbe diventare legge entro il 2020.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori