EUTANASIA/ Studio choc: 431 persone sono state eutanasizzate senza averlo chiesto

- Paolo Vites

Secondo i dati resi noti, in Olanda nel 2015 431 persone sono state uccise con l’eutanasia sebbene nessuno ne avesse fatto richiesta, ecco di cosa si tratta

flebo_ospedale_suicidio_web_2017
Meningite batterica a Lavagna

Uno dei primissimi paesi al mondo ad approvare l’eutanasia, in Olanda ogni cinque anni si fa uno studio, un conteggio, di quanta gente in quel periodo di tempo sia morta di eutanasia e se ci siano problematiche varie legate alla sua applicazione. Il contenuto della documentazione relativa al 2015 è stata resa nota di recente: le persone che si sono lasciate uccidere sono state in tutto 7254. Nel dettaglio, 6672 casi di eutanasia, 150 di suicidio assistito, 431 morti senza che fosse pronunciata alcuna richiesta di eutanasia. Quest’ultimo dato è allarmante, significa cioè che il medico ha deciso di applicarla senza che il paziente o i familiari l’avessero richiesta. Ma nella documentazione ci sono alcune cose che non tornano. Si legge infatti che le morti complessive per eutanasia nel solo 2015 sono state 5561, ma conteggiando i numeri dell’intero documento si vede che i morti siano stati come detto prima 7254. Da qui si deduce che ci sono state 1693 morti assistite che non sono state riportate correttamente. La morte senza una esplicita richiesta è stata applicata in 431 casi mentre nel 2010 si era fermi a quota 310. Il problema è che in quasi ogni paese del mondo, morire senza averne fatto esplicita richiesta è considerato per legge omicidio.

Recentemente nello stato dell’Ontario in Canada una infermiera è stata condannata a 25 anni di carcere per aver ucciso otto pazienti.Dunque quei 431 casi che non tornano nel rapporto olandese sono da considerarsi tutti casi di omicidio. Andando nei dettagli, risaltano casi totalmente fuori dalla stessa legge olandese per i quali viene comunque applicata l’eutanasia, ad esempio quello di una donna uccisa perché, essendo stata stuprata da bambina, aveva problemi depressivi. O quello di una donna anziana che, perso il marito, non se la sentiva più di continuare a vivere da sola benché fosse in perfetto stato di salute. Il caso peggiore è quello avvenuto quest’anno di una donna demente mentalmente sottoposta a eutanasia forzata dal suo medico: i giudici olandesi hanno sentenziato che la legge era stata violata, ma nessuna condanna è seguita perché, sempre secondo i giudici, il medico si era comportato in buona fede. Dal 2005 a oggi i casi di eutanasia in Olanda sono stati 2425, arrivando a 7254 nel 2015, la prova che una volta regolamentata, la scelta dell’eutanasia si diffonde sempre di più e non il contrario come sostengono in diversi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori