Donna cristiana arrestata/ E morta torturata in carcere: “Prigioni così disumane da far impazzire i detenuti”

- Fabio Belli

Eritrea, donna cristiana morta in carcere. Continuano le persecuzioni per motivi legate alla fede in Africa: la donna, madre di tre figli, era stata imprigionata assieme al marito

alcatraz_carcere_cella_pixabay_2017
Messico, rivolta in carcere

Una donna di religione cristiana, arrestata all’inizio di quest’anno in occasione di una rappresaglia contro i cristiani evangelici nella nazione africana dell’Eritrea, è morta, ha riferito un’organizzazione cristiana per i diritti umani. Fikadu Debesay, una madre di tre figli di fede evangelica che è stata arrestata insieme a suo marito in maggio, è morta la scorsa settimana, mentre è stata imprigionata a Metkel Abiet, una prigione nel deserto situata tra le città di Shieb e Gahtelai nella regione del Mar Rosso del Paese, secondo quanto riportato da Christian Solidarity Worldwide, un’organizzazione per la difesa religiosa ufficialmente riconosciuta delle Nazioni Unite all’inizio di quest’anno. CSW ha riferito che la donna è stata sepolta giovedì scorso a Mendefera, la capitale della regione Debub in Eritrea. “La CSW è addolorata nell’annunciare la morte di Fikadu Debesay. I nostri pensieri e preghiere sono con la sua famiglia in questo momento doloroso, pensiamo in particolare ai suoi figli, che piangono la madre in mancanza del loro padre detenuto”, ha dichiarato l’amministratore delegato di CSW, Mervyn Thomas.

LE PREOCCUPANTI RELAZIONI DI CHRISTIAN SOLIDARITY WORLDWIDE

Anche se la causa della morte di Debesay non è nota, Thomas ha spiegato che le condizioni e il trattamento che molti cristiani affrontano nella detenzione nei campi come quello di Metkel Abiet sono “Così disumane che possono far impazzire chi vi è prigioniero“. Inoltre, la regione del Mar Rosso è conosciuta per le sue condizioni climatiche estreme e caldissime. “Chiaramente, i diritti umani e le libertà fondamentali continuano ad essere violati in modo totale in Eritrea e la situazione della libertà religiosa o di fede si sta deteriorando”, ha affermato Thomas. “Ancora una volta, invitiamo la comunità internazionale ad assicurare che il governo e i suoi funzionari siano tenuti a tenere conto dei reati commessi nei confronti dei cittadini eritrei e mantenere la pressione sul regime finché ogni prigioniero per motivi legati alla fede venga liberato senza condizioni”. L’Eritrea è attualmente classificato come il decimo paese peggiore del mondo per quanto riguarda la persecuzione delle persone di fede cristiana, questo secondo l’elenco di vigilanza mondiale stilato nel 2017 da Open Doors USA.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori