SOPRAVVIVE A TRE ATTENTATI ISIS/ London Bridge, Notre Dame e Barcellona: la 26enne che la scampa sempre

- Paolo Vites

Una donna australiana che sta compiendo una lunga vacanza in Europa si è trovata per tre volte nei luoghi dove i terroristi hanno compiuto degli attentati, ecco di cosa si tratta

attentato_barcellona_furgone_folla_terrorismo_spagna_rambla_twitter_2017
Attentato di Barcellona

Una fortuna incredibile, allo stesso tempo una sfortuna pazzesca. E’ il caso di Julia Monaco, una 26enne australiana che quest’anno è scampata viva a tre attacchi dei terroristi dell’Isis e che appunto per questo significa anche che si è trovata per ben tre volte consecutive nel giro di pochi mesi nei punti e nei momenti più pericolosi di tutta Europa. Certamente conta il fatto che la giovane si trova a compiere un giro dell’Europa che sta durando da diversi mesi, ma anche così trovarsi per tre volte consecutive sulla scena di attentati è un caso unico. Julia è a Barcellona dove si trova in vacanza con un gruppo di amici. Ieri si trovava dentro un negozio nel luogo e nel momento in cui il furgone degli attentatori si è scagliato contro la folla inerme. Lo scorso giugno invece la donna si trovava nei pressi del London Bridge quando i terroristi scatenarono un assalto con i coltelli, sfuggendo nascondendosi nella vicina stazione della metropolitana. Infine, pochi giorni dopo, Julia Monaco era a Notre Dame a Parigi quando un poliziotto venne accoltellato fuori della chiesa.

Il commento istintivo che viene da fare è ovviamente: trovarsi dove si trova la donna australiana è pericoloso. Lei invece dice che nonostante tutto non smetterà di finire il suo giro programmato dell’Europa: “Continuerò ad andare a vedere quello che ho programmato di vedere, non lascerò che i terroristi l’abbiano vinta” ha dichiarato ai media inglesi. Ieri Julia si trovava in un negozio in Placa de Catalyuna quando ha visto gente che correva impaurita da tutte le parti. I commessi hanno immediatamente bloccato le porte e detto ai clienti di allontanarsi dalle finestre e gettarsi a terra. Solo dopo diverso tempo è stato permesso loro di lasciare il negozio.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori