TERREMOTO IN MESSICO/ “Un castigo di Dio che è arrabbiato coi cattolici”

- Paolo Vites

Gli appartenenti alla Chiesa protestante messicana sostengono che il recente terremoto è un castigo di Dio perché non vuole la Chiesa cattolica, la rsposta di un vescovo

terremoto_citta_messico_1_tgcom24
Immagini di archivio

TERREMOTO MESSICO. Dopo il terribile terremoto che ha devastato nei giorni scorsi il Messico, sui social network messicani sono apparsi diversi post, soprattutto nello stato del Chiapas a maggioranza cristiana protestante, tra cui quello firmato da un pastore locale, che sostengono che il sisma è stato una punizione di Dio, “arrabbiato” con la Chiesa cattolica. Il terremoto dunque sarebbe la prova che Dio non vuole i cattolici e si esortano i credenti ad abbandonare la Chiesa romana. Come riporta oggi il sito Aleteia , è intervenuto il vescovo cattolico monsignor Arizmendi sul grave caso. Il prelato ha ricordato che oltre alle chiese cattoliche, sono crollate anche quelle protestanti e sono morte anche persone appartenenti a quella fede: “Siamo tutti peccatori, e chi dice di non esserlo commette due peccati gravi: la menzogna e l’orgoglio”.

Altri predicatori protestanti hanno poi  diffuso la notizia che il terremoto sarebbe un segno dell’ormai prossima fine del mondo. Anche qui il vescovo è intervenuto dicendo che “Gli scienziati spiegano questo terremoto come il movimento brusco della placca tettonica chiamata de Cocos, sulle spiagge del Chiapas, che è parte della faglia che viene dalla California. È una cosa naturale, non un castigo divino”. Infine a chi si è chiesto dove fossero la Chiesa e i fedeli cattolici nei giorni dei soccorsi, ha accusato la televisione di stato di non aver fatto sapere dell’impegno dei cattolici: “Ho vissuto inondazioni e altri fenomeni, ed è la nostra gente della Chiesa la prima ad accorrere e ad aiutare, perché siamo in mezzo al popolo e arriviamo dove non arrivano né il Governo né la televisione”. Il vescovo ha anche invitato i fedeli a portare nelle proprie parrocchie generi di necessità per sostenere le popolazioni colpite dal sisma.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori