Maiorca, 12 vittime per maltempo/ Ultime notizie, bambino disperso: la mamma morta dopo aver salvato la figlia

Maiorca, maltempo e alluvione: 10 morti. Rafa Nadal spala fango. Video ultime notizie, un bambino è disperso. Anche il campione di tennis insieme ai soccorsi

10.10.2018 - Carmine Massimo Balsamo
nubifragio_maiorca_video_2018
Maiorca, piogge torrenziali: 8 morti

Purtroppo si aggrava il bilancio delle vittime di Maiorca, a seguito del maltempo e della conseguente inondazione verificatisi nella giornata di ieri. I morti sono saliti a 12, dopo che le autorità hanno ritrovato senza vita la coppia di tedeschi che da anni risiedeva sull’isola, dispersi da ore. Si tratta di Petra e Mike Kircher, rispettivamente di 63 e 61 anni, come informato dalla guardia civile, citata dalla tv nazionale Rtve. I coniugi Kircher non si trovavano dalla serata di martedì, e i loro corpi sono stati rinvenuti nei pressi di Artà. Continua a risultare disperso anche il bambino di 5 anni, scomparso ormai da quasi 48 ore, mentre era in compagnia della mamma e della sorella di 8 anni, su un’automobile rimasta bloccata a Sant Lorenc, a causa dei violenti temporali. Una storia tremendamente toccante quella di questa famiglia, con la mamma, vera e propria eroina, che è riuscita a mettere in salvo la figlia prima di morire. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

NON SI TROVA UN BIMBO DI 5 ANNI

Avrebbe 5 anni il bambino ancora disperso in seguito alla grave alluvione che ha investito l’isola spagnola di Maiorca, causando al momento 10 morti, sei uomini e quattro donne, come confermato dalla Guardia Civil. Al momento, secondo quanto reso noto dall’agenzia Tpi, il numero di sfollati supererebbe i 1200 nella sola zona orientale dell’isola delle Baleari. Le immagini che arrivano da Maiorca sono incredibili: auto trascinate letteralmente dalla corrente, materassi e mobili in strada. Un’alluvione certamente distruttiva e che ha portato alla caduta in appena 4 ore di 220 litri di pioggia per metro quadrato, secondo quanto spiegato dal governo regionale delle Baleari e che ha visto una grande macchina di soccorritori con almeno 600  quelli che stanno operando nella zona maggiormente colpita. Incredibile il gesto di Nadal che si è offerto di aprire il suo centro sportivo e l’accademia di tennis per accogliere gli sfollati. Intanto gli esperti stanno tentando di capire cosa abbia provocato una alluvione di così elevata portata e secondo quanto riferito da IlMeteo.it, la “colpa” sarebbe da attribuire ai mari troppo caldi e ai contrasti termini, due fattori che rappresentano la situazione ideale per dare vita a fenomeni molto violenti come quello che si è verificato a Maiorca. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

UN BAMBINO È DISPERSO

E’ devastante il maltempo che si è abbattuto nelle ultime ore sull’isola di Maiorca, in Spagna. Violenti piogge hanno causato allagamenti, e 10 persone sono morte, mentre un bambino risulterebbe essere disperso. Una tragedia di vaste proporzioni che ha toccato da vicino anche uno dei maiorchini più famosi al mondo, Rafa Nadal, che si è affiancato ai soccorritori, spalando il fango dalle strade. A Maiorca c’è anche un italiano originario di Cremona, che a Laprovinciacr.it ha raccontato la sua testimonianza: «Pioveva a dirotto, in breve tempo la via principale del paese si è allagata e ci siamo tutti spaventati. E’ stata una cosa improvvisa ed inaspettata: una tragedia – racconta Pietro Maiandi, cuoco 31enne che vive a Maiorca da 4 anni – che ha provocato morte e distruzione. Mai mi sarei aspettato di vivere un’esperienza come questa». Oltre ai morti e al ragazzino disperso, vi sarebbero anche diversi feriti, e circa 200 persone sono state invece costrette ad abbandonare le proprie abitazioni. Più in basso il video di Nadal insieme ai soccorsi (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

PEGGIORA IL BILANCIO DEI MORTI

Sale purtroppo a 10 morti il conto delle vittime nel tremendo passaggio di maltempo alle Baleari: le inondazioni che hanno devastato Maiorca (e che ora è arrivata in Sardegna) riportano di un’altra vittima, secondo le stime fatte da El Pais. A mancare all’appello è invece ancora un bambino: sarebbe lui l’unico disperso dei 6 che mancavano dalle segnalazioni nelle scorse ore (poi per fortuna tutti trovati). Quel piccolo però, figlio di una mamma e fratello di un’altra minorenne, erano a bordo della macchina di famiglia quando sono stati sorpresi dal diluvio: secondo quanto riporta l’Ansa, «La donna è riuscita a mettere in salvo l’altra figlia, mentre il piccolo non è ancora stato ritrovato». Continua invece il lavoro a fianco degli alluvionati del tennista maiorchino Nadal, immortalato dai social mentre stava spalando questo pomeriggio il fango per le strade di San Llorenç. (agg. di Niccolò Magnani)

GESTO DI SOLIDARIETÀ DI NADAL

Mentre il numero degli sfollati è salito oramai a circa 200, mentre per fortuna quello delle vittime si è fermato a noe, prosegue il lavoro dei soccorritori (oltre 400 sono stati mobilitati nelle ultime ore) a Maiorca dopo la tremenda alluvione che ha letteralmente messo in ginocchio l’isola spagnola delle Baleari. Al momento, infatti, si cercherebbero secondo fonti di stampa iberiche almeno altri sei dispersi di cui non si ha ancora notizia, e il timore è che possano essere stati travolti dalla furia dell’acqua, scatenata da piogge torrenziali che hanno toccato il tetto record di oltre 22 centimetri in meno di quattro ore. “Un evento che accade una volta ogni mille anni” è stato il commento degli esperti di fronte a una tragedia che ha toccato molto l’opinione pubblica spagnola e lo stesso premier Sanchez, come pure ha avuto una vasta eco il gesto di solidarietà di Rafa Nadal che, di fronte alla situazione tragica degli abitanti dell’isola su cui è nato, ha deciso di aprire le porte della sua Accademia, mettendo a disposizione i suoi centri sportivi per ospitare quanti più sfollati possibili. (agg. R. G. Flore)

IL PREMIER SANCHEZ, “DEVASTANTE”

Un violento maltempo si è abbattuto in queste ore sulla Spagna, e precisamente a Maiorca. Nella località Sant Llorenç des Cardassar, ma anche a S’’Illiot, sul mare, un nubifragio ha provocato 9 morti, 3 feriti, 6 dispersi e circa 200 sfollati, molti dei quali ospitati presso il palazzetto dello sport e un ippodromo. Sono ben 22 i centimetri di acqua che sono caduti in appena quattro ore, a conferma di quanto sia stato violento il maltempo che si è abbattuto su Maiorca quest’oggi. Sulla questione è intervenuto il primo ministro Pedro Sanchez, che ha definito le inondazioni “devastanti”, mentre la camera dei deputati spagnoli ha osservato un minuto di silenzio. Bello il gesto del tennista Rafa Nadal, che ha messo a disposizione le camere dei suoi centri sportivi per quelle persone che sono rimaste appunto senza abitazione a causa delle alluvioni. Al lavoro vi sono quasi 200 persone fra militari e soccorritori per aiutare la popolazione di Maiorca colpita. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

SI AGGRAVA IL BILANCIO

Si è purtroppo aggravato il bilancio delle vittime delle incredibili e gravissime inondazioni per le piogge alle Baleari: siamo già a 9 morti per i temporali torrenziali che hanno devastato alcuni comuni più di altri a Maiorca, ovvero Sant Llorenc des Cardassar, S’Illot e Arta. I soccorritori inviati in gran numero dalla Guardia Civil nella zona insieme a unità militari, stanno cercando sei persone che risultano disperse ma in tutto sarebbero una dozzina i dispersi di cui è stata denunciata la scomparsa. Sui social, il celebre tennista maiorchino (di Manacor) Rafael Nadal ha invitato alla preghiera per le vittime della sua terra, «Le nostre più sincere condoglianze ai cari delle vittime di queste serie alluvioni a San Llorenc». Confermato l’allarme ora per le condizioni meteo a Ibiza e Formentera dove si starebbe spostando il maltempo per le prossime ore. 

SPAGNA IN GINOCCHIO PER IL MALTEMPO

Maiorca, piogge torrenziali: 8 morti e 9 dispersi, tragedia in Spagna. Come riportato dalla stampa locale, nelle ultime ore la celebre isola è stata colpita da un violentissimo nubifragio che sta creando danni ingenti. El Pais sottolinea che il bilancio è arrivato a 8 morti: fino a pochi minuti fa si parlava di 5 vittime. E anche il numero dei dispersi è salito da 5 a 9, con il sindaco di Sant Llorenc che ha fornito un primo aggiornamento: tra le persone ritrovate senza vita ci sono due turisti britannici. Sant Llorenc è il comune più colpito, situato a sessanti chilometri da Palma de Mallorca, con l’Ansa che evidenzia che un’altra vittima delle inondazioni è stata registrata nella città di S’Illot.

PIOGGE TORRENZIALI A MAIORCA: I VIDEO

Sono nove le persone che mancano all’appello come sottolineato dai servizi di emergenza, con Sant Llorenc des Cardassar che è stata letteralmente sommersa da un’ondata di fango. Ansa sottolinea che le autorità dell’isola hanno dispiegato 80 militari e sette veicoli dei servizi di emergenza dell’esercito nei luoghi più colpiti, con 100 soccorritori già al lavoro dalla scorsa notte. Chiuse le scuole in tre città dell’isola di Maiorca, con centinaia di residenti che sono stati evacuati e mandati in un palazzetto dello sport e in un ippodromo. Sono circa 22 i centimetri di acqua caduti nelle ultime quattro ore e, secondo le previsioni meteo del servizio nazionale, per oggi è prevista ancora pioggia in tutta la parte orientale della Penisola Iberica. “Inondazioni devastanti” il commento del premier spagnolo Pedro Sanchez, che ha sottolineato: “Solidarietà e sostegno alle famiglie e agli amici delle vittime e a tutti quelli colpiti da questa tragica alluvione”. Qui di seguito vi proponiamo il video pubblicato sui social network dai residenti

I commenti dei lettori